“Di Bacco il licor divino…”

La gioia, la compagnia amichevole, le lunghe chiacchierate ma anche l’ebbrezza e la sfrenatezza hanno il sapore e il colore del vino. Da sempre. Una rassegna di Teatro Invito lo celebra, con gusto.

Il nettare di Bacco ha un’immensa portata culturale: tutte le
civiltà occidentali (dagli antichi babilonesi alla
civiltà greca e alla cristianità d’Europa) gli hanno
dato uno speciale potere evocativo e simbolico.

I più antichi poeti greci cantavano di grandi bevute e di
“orgie bacchiche” (Archiloco, fr. 194). Alceo: “Il vino, diletto
fanciullo, è verità” e “specchio dell’uomo” (fr.
366-333). Siamo nel VI secolo a.C…

Il romano Orazio elogiava il vino, il naturalista Plinio esaltava
le “gioie purpurine”. Sappiamo da fonti storiche attendibili che le
notti di studio di filosofia e di medicina di Avicenna, siamo nel
1000, spesso finivano in qalche poco mistica ubriacatura.

Un fascino che Charles Baudelaire, Guillame Apollinaire e i poeti
di tutti i nostri tempi hanno sentito e cantato.

Un’occasione per ritrovare queste testimonianze, e per assaporarle,
ce la dà Mauro Rossetto, storico e sommelier. In uno degli
angoli più belli e suggestivi della Brianza, il 5 settembre,
ha pensato a una cena-spettacolo in cui esplorare, con la
recitazione di testi poetici e letterari tratti da autori di
diverse epoche, le tante ricche valenze culturali del vino (Orazio,
Shakespeare, Beaudelaire, Porta, D’Annunzio…). Durante la
rappresentazione i vini evocati dalle parole e dai gesti degli
attori si possono assaggiare, e gustando i raffinati piatti con gli
stessi vini, i partecipanti potranno essere coinvolti nell’evento
con i sensi e con la ragione. “Di bacco il licor divino” è
intitolata la serata: lo spunto è tratto da dei versi incisi
su una grande botte decorata del XVII secolo, presente nelle
cantine del mitico Schloss Johannesburg.

È una cena nell’ambito della rassegna teatrale ‘L’ultima
luna d’estate’ (Teatro Invito, dal 30 agosto al 7 settembre), con
iniziative peculiari, teatri e concerti in parchi e cascine e…
cameo, queste serate di golose degustazioni dei prodotti agricoli
tipici locali: “il vino”, “le erbe officinali”, “i salumi”, “i
formaggini” e “il miele”, ove i momenti di degustazione con
l’abbinamento di vini, proposti dall’Atelier delle Arti e del
Gusto, s’alternano a canzoni e storie della tradizione locale a
cura di Teatro Invito:
– sabato 30 agosto, ore 18.30, Sirtori, La Rosa dei Venti: “Il
Vino”

– domenica 31 agosto, ore 13.00, Rovagnate, Cascina Bagaggera:
“I formaggini e il miele”
– giovedì 4 settembre, ore 18.30, Montevecchia, Le Terrazze:
“I salumi”
– venerdì 5 settembre, ore 18.30, Perego, Cascina Costa:
“Di Bacco il licor divino”
– domenica 7 settembre, ore h.13.00, Montevecchia, Ca’ Soldato:
“Le erbe officinali”

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.