Mare profumo di mare

La particolare composizione dell’acqua di mare ha un’azione tonificante sulle mucose e le prepara a resistere meglio all’attacco dei batteri.

Durante i tuffi vi entra acqua marina nelle narici?
Ottimo: laverà le cavità nasali meglio dell’acqua
dolce, eliminerà i residui delle passate infezioni ed
infiammazioni nonché i danni provocati dallo smog cittadino.
Inoltre, la particolare composizione dell’acqua di mare ha un’azione
tonificante sulle mucose e le prepara a resistere meglio
all’attacco dei batteri.

Potete anche praticare sistematicamente, più volte al
giorno, un lavaggio delle narici. Basta prenderne un pò nel
palmo cavo della mano, inclinare il capo e aspirare con una
narice.
Soffiarsi il naso, ripetere con l’altra narice, il tutto per almeno
tre volte di seguito.
Una volta tornati a casa dalla vacanza potete continuare il
trattamento: fate bollire
l’acqua, vi sciogliete sale marino integrale e quando è
tiepida la usate per gli sciacqui nasali.

Occhi brillanti e riposati.
Al primo contatto con gli occhi, l’acqua marina provoca un intenso
bruciore, ma il senso di fastidio passa velocemente e lascia il
posto ad un senso di grande benessere.
Provate ad osservare il fondo marino senza occhiali e avrete tante
bellissime sorprese!

L’acqua marina per l’ugola.
Sicuramente avete già provato a fare dei gargarismi per
combattere le raucedini. Il sale marino integrale è uno
degli ingredienti migliori in questi casi. Ebbene, quando vi
trovate in una zona di mare pulito cogliete l’occasione per
prenderne una piccola quantità in bocca,
piegare il capo leggermente indietro e fare un gargarismo.
Avrà un grande effetto, insieme all’aria marina tonificante,
e vincerete facilmente il karaoke serale…

Gudrun Dalla Via

Articoli correlati