Eco-agevolazioni fiscali della Finanziaria 2007

Case, impianti, ristrutturazioni, ma anche frigoriferi, motori e lampadine a risparmio energetico nei negozi e bio-carburanti: sono molti gli incentivi per una scelta “eco”… nomica.

Riqualificazione energetica degli edifici
esistenti
Se il fabbisogno di energia primaria
conseguito a seguito dei lavori di ristrutturazione è
inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori indicati nelle nuove
normative, si può godere delle detrazioni fiscali del 55%
fino a un massimo di 100.000 euro (ripartizione in tre quote annuali
di pari importo).

Coperture, pavimenti e infissi per i quali siano
rispettati i requisiti indicati dalle nuove
normative
:
55% fino a un massimo di 60.000 euro (tre
quote annuali)

Pannelli solari per la produzione di
acqua calda sanitaria domestica o industriale (piscine, centri
sportivi, case di cura, scuole)
: 55% fino a un
massimo di 60.000 euro (tre quote annuali)

Sostituzione di impianti di
climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a
condensazione e annesso sistema di distribuzione
:
55% fino a un max di 30.000 euro (tre quote annuali).

La detrazione fiscale è concessa a
condizione che: la rispondenza dell’intervento ai requisiti
previsti dalla legge sia asseverata da un tecnico abilitato; il
contribuente presenti la certificazione energetica dell’edificio
(se già introdotta dalla propria Regione) o l’attestato di
qualificazione energetica (periodo transitorio), predisposti e
asseverati da un professionista abilitato. Per le finestre/infissi
è invece sufficiente la certificazione dei componenti
fornita dal produttore.

Tutti i dettagli relativi ai valori indice di norma, le spese
agevolabili, le modalità per ottenere le detrazioni fiscali,
e gli adempimenti sono illustrati nel “Decreto ministeriale
19/02/2007 applicativo finanziaria edifici” 
disponibile online qui (in .pdf)
.

Queste sono le porzioni più consistenti delle
eco-agevolazioni della Finanziaria. Ma ce ne sono molte altre.

Agevolazioni fiscali per i commercianti che scelgono
lampade a basso consumo
Deduzione fiscale del 36% per i
commercianti che sostituiscono gli apparecchi di illuminazione con
sistemi ad
alta efficienza energetica
negli
esercizi commerciali
. In sostanza, chi scegli lampade
fluorescenti negli ambienti interni e lampade a vapore di sodio in
quelli esterni beneficerà dell’agevolazione.

Contributi per frigoriferi ad alta efficienza ad alta
efficienza
Detrazione fiscale in un’unica rata – per
una quota pari al 20% degli importi a carico del contribuente (e un
ammontare complessivo non superiore a 200 – per ciascun
apparecchio) per
la sostituzione di frigoriferi, congelatori
di

classe energetica non inferiore ad A+
,
acquistati nel corso del 2007.

Incentivi per i biocarburanti
Viene allineata la legislazione italiana sui biocarburanti alla
Direttiva europea 2003/30/CE sugli obiettivi di miscelazione
obbligatoria dei biocarburanti nei carburanti petroliferi, secondo
una percentuale progressiva: 1% al 2005; 2,5% al 2008; 5,75% al
2010.

Interventi sulla fiscalità
energetica
Il maggior gettito fiscale IVA derivante da
carburanti e combustibili di origine petrolifera, in relazione agli
aumenti del prezzo internazionale del greggio, va a costituire un
apposito fondo di 50 Mln di euro per il triennio 2007-08-09 da
utilizzare a copertura di interventi di riduzione dei costi della
fornitura energetica per le fasce sociali che più risentono
del peso del caro energia.

Iva agevolata per forniture di energia
“ecologica”

La fornitura di energia termica per uso
domestico tramite reti pubbliche di teleriscaldamento o nell’ambito
del contratto servizio energia prevede l’Iva agevolata solo se
prodotta da fonti rinnovabili o da impianti di cogenerazione ad
alto rendimento; alle forniture di energia da altre fonti, sotto
qualsiasi forma, si applica invece l’aliquota ordinaria.

Estensione scambio sul posto a 200 kW
Il meccanismo dello “scambio sul posto” dell’energia elettrica
viene esteso agli impianti di potenza fino a 200 kW, alimentati da
pannelli fotovoltaici e in generale da fonti rinnovabili o impianti
cogenerativi.

Incentivi per l’installazione di motori industriali ad
alta efficienza e a velocità variabile
Per
motori ad elevata efficienza, di potenza elettrica compresa tra 5 e
90 Kw, è prevista una detrazione fiscale in un’unica rata,
per una quota pari al 20% degli importi a carico del contribuente,
per un ammontare complessivo (comprensivo delle spese di
installazione non superiore a 1.500 euro per ciascun motore). Nel
caso, invece, di acquisto o installazione di inverter su impianti
con potenza elettrica compresa tra 7,5 e 90 KW, la soglia massima
per la detrazione è pari a 1.500 euro. (cfr. anche “Decreto
ministeriale applicativo finanziaria su motori e inverter” www.sviluppoeconomico.gov.it)

Verrà infine istituito un fondo rotativo per il
finanziamento delle misure di riduzione delle immissioni dei gas ad
effetto serra. Trattasi di finanziamenti a tassi agevolati che
andranno deliberati da Regioni ed Enti locali.

Rimangono invece invariate sino al 31 dicembre 2007 le
agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio
edilizio con detrazioni Irpef al 36% sulle spese sostenute in
favore degli interventi tradizionali di ristrutturazione edilizia
(tetto massimo 48.000 euro) e l’IVA agevolata al 10%.

Giovanni
Bartesaghi

Articoli correlati