Bio ed eco. Ecco come può diventare una scuola elementare

Lo studio A.P.E. di Milano è intervenuto soprattutto nella scelta dei materiali e nelle rifiniture, ma non nella composizione strutturale dell’edificio.

Si tratta di un esempio di intervento dove gli architetti non
avevano molta libertà perchè il primo lotto della
scuola, lo scavo e il progetto esecutivo per il secondo lotto
esistevano già. Per questo lo studio A.P.E. di Milano
è intervenuto soprattutto nella scelta dei materiali e nelle
rifiniture, ma non nella composizione strutturale
dell’edificio.

Gli interventi tecnologici e costruttivi hanno portato a un
miglioramento del microclima e a un risparmio energetico.

  • Mentre nel progetto iniziale le pareti esterne erano previste a
    cassa vuota con uno strato di isolamento termico di 4 cm di
    poliuterano espanso, gli architetti di A.P.E. hanno optato per una
    muratura più pesante con una unica fila di termolaterizi di
    spessore di 20 cm, evitando così il poliuretano e un
    tavolato di controtamponamento di forati verso l’interno. Per
    intonaci interni ed esterni è stata utilizzata calce
    idraulica senza additivi chimici, al posto degli intonaci
    tradizionali. Per evitare ponti termici è stato impiegato
    del sughero naturale biondo. Per la copertura è stata
    evitata la prevista struttura metallica a favore di lastre di
    lamiera in alluminio preverniciato con una struttura in legno con
    lastre di lamiera grecata in rame.
    Trattandosi di una scuola elementare è stata data molta
    importanza all’isolamento acustico: con controsoffittature nella
    mensa e nei corridoi, realizzate con pannelli di lana di legno
    mineralizzati con magnesite; con posa di strisce di sughero
    all’imposta inferiore e superiore dei tavolati interni
    divisori.Con rifiniture studiate bene si è potuto migliorare il
    benessere psicofisico dei bambini e degli operatori scolastici.
  • Le pareti interne sono colorate con tinte e vernici naturali a
    base di resine vegetali e minerali. I colori sono: per le pareti
    nelle classi giallo solare, per il pavimento in linoleum un color
    terra più scuro. Il giallo è un colore stimolante che
    favorisce l’attività mentale e previene sonnolenza e senso
    di affaticamento, un pavimento più scuro trasmette una
    sensazione di stabilità. Nella mensa invece predomina
    l’arancio, un colore che stimola l’appetito e la socievolezza. Gli
    altri colori usati sono il turchese, un azzurro cielo e diversi
    tipi di giallo.
    Dov’era possibile sono state eliminate le forme spigolose e
    squadrate in favore di forme fluide e rotonde che sono accoglienti
    e tranquillizzanti e trasmettono un senso di equilibrio.
    Tutte le aule e laboratori vengono illuminati con lampade
    fluorescenti con aggiunta di raggi ultravioletti che rendono la
    luce molto simile a quella solare e permettono la formazione di
    vitamina D, molto importante per lo sviluppo fisico dei
    bambini.

Articoli correlati