Mostra “Effetto Natura”

La natura indagata nei suoi molteplici aspetti e forme viste come stimolo nella ricerca artistica contemporanea le proposte della Mostra “Effetto Natura”

A Palazzo Trussardi, in Piazza Duomo, è allestita -fino
al 13 gennaio 2002- la mostra “Effetto Natura” curata da Mariuccia
Casadio.

Si tratta di quattro installazioni di artisti stranieri che
sviluppano tre temi che rappresentano il paesaggio in arte:
giardino, bosco e veduta.
La particolarità della mostra è da ricercare
nell’effetto registrato dallo spettatore: sembra di vedere una
foresta dal basso, di essere sovrastati e dominati dalla
natura.

Richard Wood ha realizzato un pavimento floreale con una speciale
tecnica pittorica a smalto su formica emulando lo spazio del
giardino, mentre per il bosco si assiste a due diverse
installazioni.
La prima, di Henrik Hakansson, presenta una foresta sopraelevata
realizzata su di una palafitta con fiori e piante tropicali che,
insieme ad acqua nebulizzata e tubi, crea l’effetto nebbia tipico
dell’ambiente pluviale.
La seconda installazione invece illustra, con un ciclo di immagini
nere su fondo bianco su una parete circolare, diverse tipologie
botaniche.
Florian Huttner, infine, rappresenta il tema delle vedute
realizzate con tecnica multimediale: diapositive e grandi disegni
di uno stesso soggetto, un villaggio nella foresta, osservato e
raccontato da diverse angolazioni e secondo l’evoluzione delle
stagioni.

Osservare una foresta dal basso, secondo il punto di vista di un
insetto, è una sensazione curiosa che unita a quel senso di
sovranità e dominio trasmesso dagli artisti nelle proprie
installazioni naturali, rende questa mostra un approccio
interessante per indagare più da vicino il concetto di
natura nell’arte contemporanea.

Sonia Tarantola

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Un museo gratuito dentro l’aeroporto di Amsterdam

L’attesa di un passeggero in procinto di imbarcarsi su un volo è ormai fin troppo infarcita di opzioni e proposte commerciali talvolta ai limiti della bizzarria. Inevitabile, dunque, che prima o poi a qualcuno venisse in mente di ottimizzare in chiave culturalmente significativa quel lasso di tempo più o meno ozioso che siamo costretti a

Sany, ‘Girl power’. Per me, potere è seguire i propri sogni

Donne dedicate ai graffiti in un mondo dominato dagli uomini: questo racconta ‘Girl Power’, con le storie di molte autrici di graffiti femminili registrate in un lungo e intrigante viaggio. La regista di questo film, Sany, lei stessa graffitara di Praga, ha speso otto anni per offrirci questo nuovo punto di vista su un fenomeno