Energia dal vento, bruciate le tappe

E’ opportuno puntare su tutte le fonti rinnovabili. Sul sole, sull’idroelettrico sostenibile, sul vento, visto il grande potenziale della nostra penisola.

Tagliato oggi un traguardo che si pensava raggiungibile solo nel
2010: l’ultimo anno sono state installate talmente tante
turbine eoliche
in tutta Europa da raggiungere cinque
anni prima la
capacità produttiva ipotizzata
. L’EWEA,
European Wind Energy Association, grida ai quattro venti (!) al
successo. L’energia eolica cumulativa è aumentata del 18% in
un anno, portando il totale a 40.504 MW (megawatt), rispetto ai
34.372 MW che erano a fine 2004. 6.183 MW di nuove turbine eoliche
l’ultimo anni, per un indotto di circa 6 miliardi di €, e
milioni di tonnellate di petrolio e CO2 risparmiate.

Le torri eoliche sono brutte?
Nel frattempo, in Italia fanno molto discutere la moratoria imposta
ai nuovi impianti eolici dalla regione Puglia e il progetto di un
impianto in Maremma, che sarebbe in grado di alimentare una
città di 50.000 abitanti (in prossimità di un
viadotto che ha già esteticamente deturpato l’ambiente).
Certi ambientalisti non sono mai contenti. Le
torri eoliche sono brutte
? Il rischio è quello
di un ambientalismo estetico e privo di sostanza, incapace di
affrontare i problemi di volta in volta con i relativi distinguo.
Le soluzioni: evitare di pensare a impianti eolici in Parchi e aree
naturalistiche preziose; progettarle in aree dismesse; pensare alle
turbine eoliche off-shore, filari di turbine impiantate in mare
aperto.

Il vento è discontinuo?
E’ opportuno puntare su tutte le fonti rinnovabili. Sul sole,
sull’idroelettrico sostenibile, sul vento, visto il grande
potenziale della nostra penisola.
C’è
una mappa del vento nel Mediterraneo
, del Cnr, che
censisce ed indica con precisione meteo-statistica le aree
più redditizie dove impiantare filari di turbine e ricavarne
energia abbondante, inesauribile, gratuita, pulita.

Sarebbe intelligente puntare sulle energie
rinnovabili
anche per creare nuovi posti di lavoro,
nuove aziende, recuperare siti industriali dimessi, essere
autosufficienti dal punto di vista energetico. In un soffio.

Articoli correlati