Fiori di Bach e oli essenziali per affrontare il cambio di stagione primaverile

Fiori di Bach e oli essenziali per il cambio di stagione. Ecco quale rimedio naturale scegliere per poter affrontare il cambio di stagione primaverile.

Rimedi floreali di Bach per il cambio di stagione primaverile

Olive

olive-fiore-di-bach
Olive è il rimedio estratto dai fiori dell’ ulivo. ©Wikimedia

Da utilizzarsi in caso di esaurimento fisico e mentale, in caso di surmenage e di stress prolungato o di stanchezza occasionale. Adatto per contrastare i cali energetici in soggetti che consumano troppa energia a livello fisico, mentale, emozionale.

Elm

elm-fiori-di-bach
Il rimedio floreale di Bach estratto dai fiori di olmo viene chiamato Elm.

Induce un rapido incremento energetico, una maggiore concentrazione e resistenza; allevia il dolore fisico; aiuta ad affrontare con serenità gli impegni eccessivi.

Hornbeam

hornbeam-fiori-di-bach
Hornbeam è il nome dell’estratto di fiori di carpino. @Ingimage

Ideale per un esaurimento a livello mentale; allevia il mal di testa dovuto ad eccessivo lavoro; va utilizzato quando si hanno difficoltà ad iniziare la giornata o la settimana. Viene chiamato “il rimedio del lunedì”, e la sua somministrazione evita di dover fare ricorso a sostanze eccitanti per svolgere le consuete attività quotidiane.

Come usare i fiori di Bach per affrontare il cambio di stagione primaverile

I fiori di Bach non hanno controindicazioni. @Ingimage
I fiori di Bach non hanno controindicazioni. @Ingimage

Si somministrano 4 gocce del rimedio prescelto 4 volte al giorno per almeno un mese, diluite in un bicchiere d’acqua. Per chi volesse usarli combinati, si mettono 2 gocce di ciascuna essenza in un flacone contenente 20 ml di acqua minerale naturale e 10 ml di cognac o aceto di mele.

Oli essenziali per il cambio di stagione primaverile

Rosmarino

rosmarino
L’olio essenziale di rosmarino ha innumerevoli proprietà. ©Ingimage

L’olio essenziale di rosmarino possiede proprietà stimolanti sul sistema nervoso centrale; è un valido aiuto contro la fatica, dà immediata vitalità fisica e lucidità mentale, stimolando anche la memoria. Da evitare durante la gravidanza e nei soggetti che hanno la pressione troppo elevata.

Sandalo

L’olio essenziale di sandalo, dal piacevole profumo “di Oriente” dona lucidità mentale, serenità e facilità la concentrazione, rivelandosi un ottimo alleato in caso di fatica sopratutto mentale. Allevia gli stati di tensione e favorisce il legame tra corpo e spirito. E’ inoltre un potente anti-rughe.

Lavanda

rimedi naturali primavera
Olio essenziale di lavanda è un ottimo rimedio per i cambi di stagione. © Ingimage

La lavanda è una pianta dalle mille virtù e l’olio essenziale ricavato è più il efficace in termini terapeutici. La sua particolarità è che ha un effetto stimolante e allo stesso tempo calmante, quindi è utile alle persone stanche, affaticate, nervose che hanno bisogno di vitalità e stabilità emotiva per affrontare le situazioni di stress. Si rivela efficace anche in caso di mal di testa e nevralgia.

Come usare gli oli essenziali per affrontare il cambio di stagione

Data la loro elevata concentrazione, gli oli essenziali sono da utilizzarsi preferibilmente diluiti in olio vegetale, ad esempio quello di mandorle dolci, o in una crema neutra, per non irritare le pelli delicate. Ne bastano 2-3 gocce per volta da applicare in punti strategici del corpo: dietro la nuca, nell’incavo del gomito, nella parte interna delle cosce. La dose massima consigliata è di 10 gocce al giorno.

Articoli correlati