Energia solare per costruire il Boeing 787

Un impianto fotovoltaico a film sottile produrrà energia pulita per lo stabilimento dove verrà assemblato il nuovo gioiello della Boeing: il 787 Dreamliner. Si tratta di un impianto di 2,6…

Un impianto fotovoltaico a film sottile produrrà
energia pulita per lo stabilimento dove verrà assemblato il
nuovo gioiello della Boeing: il 787 Dreamliner. Si
tratta di un impianto di 2,6 MW di potenza fornito da UNI-SOLAR, azienda che produce, vende
e installa laminati fotovoltaici a film sottile.

L’impianto, sesto negli Stati Uniti per potenza
installata
su tetto, produrrà oltre 3.950 MWh
all’anno, l’equivalente dell’energia necessaria per alimentare 870
abitazioni, evitando l’immissione in atmosfera di 3.660 tonnellate di anidride
carbonica
all’anno.

L’aereo, realizzato per la maggior parte in fibra di
carbonio
e con parti in titanio, è notevolmente
più leggero degli altri modelli, garantendo così un
risparmio di carburante pari al
20%
. Motivo per cui il viaggio per i 280 passeggeri
sarà un po’ più sostenibile.

Siamo orgogliosi che la tecnologia UNI-SOLAR sia
stata scelta da Baker Renewable Energy per la realizzazione di
questo progetto da 2,6 MW, che evidenzia l’impegno di Boeing nei
confronti di una politica orientata all’ecosostenibilità” –
ha commentato Maarten van Cleef, Vicepresidente Sales Sud Europa di
United Solar Ovonic.

La tecnologia a film sottile ha fatto passi da
gigante
per quanto riguarda il rendimento negli ultimi
anni
(si parla di aumento dal 6,5% al 12%, secondo i
piani di investimento dell’azienda), garantendo la già nota
flessibilità, il poco ingombro e la notevole
diversità di impieghi.

“I laminati fotovoltaici a film sottile flessibile UNI-SOLAR sono
stati scelti in quanto permettono la completa integrazione
architettonica, sono ultraleggeri e antiriflesso- ha sottolineato
van Cleef – quindi assolutamente consigliati per
l’installazione
su edifici in prossimità degli
aeroporti”.

Articoli correlati