Ermes De Rossi ci parla del progetto Impatto Zero

Come funziona il progetto Impatto Zero? Chi garantisce che LifeGate effettui le corrette procedure? Ne parliamo con Ermes De Rossi, responsabile qualità Bios

Ermes De Rossi, quali sono i motivi che spingono un’azienda a richiedere una certificazione?

La richiesta di certificazione viene fatta per fornire una trasparenza sul mercato. Assicura che l’azienda sta facendo realmente quello che dichiara di fare. Nel mettere una certificazione di un’ente indipendente, della cosiddetta “parte terza”, il cliente ha la certezza di non comprare una cosa per un’altra.

Che tipo di certificazione è quella che riguarda il progetto Impatto Zero?

La certificazione di Impatto Zero l’abbiamo configurata come una certificazione di processo. In sostanza si tratta di una certificazione che va effettuata strada facendo e che va a verificare che il processo di realizzazione sia conforme rispetto a un disciplinare stabilito.

Chi redige il disciplinare?

Lo redige l’azienda stessa che richiede la certificazione. Nello stilarlo deve però seguire come riferimento delle normative ufficiali, accettate e riconosciute.

Quali sono i passaggi pratici con i quali si rilasciano le certificazioni?

LifeGate per poter gestire il progetto Impatto Zero ha delle procedure e degli accordi con il cliente, cioè con i negozi o aziende che desiderano compensare un prodotto o un consumo energetico. Ci sono dei passaggi che deve attuare obbligatoriamente per rispettare il disciplinare. Il nostro compito è di controllare che questi passaggi siano stati effettivamente fatti. Nel caso specifico del progetto di LifeGate i passaggi principali sono da una parte il calcolo dell’impatto, e quindi dell’immissione di CO2 generata dal processo o dal prodotto che si vuole mettere a Impatto Zero, e dall’altra parte i calcoli relativi alla superficie necessaria per compensare questo tipo immissione di anidride carbonica e l’effettivo mantenimento della superficie necessaria a questa compensazione.
L’organismo di certificazione va a verificare che quello che LifeGate dice di fare e che poi di conseguenza fa nei confronti del cliente corrisponda effettivamente alla realtà.

 

Articoli correlati
Futuro solare per il nuovo fotovoltaico

Composti da moduli solari integrati in diversi lati dell’involucro architettonico, i BIPV sono in grado di soddisfare le esigenze applicative degli edifici convenzionali, generando al tempo stesso energia elettrica.

Equilibrio dinamico in osteopatia

L’osteopatia mira al mantenimento e al ripristino dell’omeostasi corporea: una condizione di equilibrio dinamico che si realizza attraverso la cooperazioni dei vari sistemi che costituiscono il nostro corpo.

E’ uno dei Comuni italiani che si stanno muovendo per ottenere la certificazione Emas2 – Environmental Management and Audit Scheme -, un riconoscimento europeo per la qualità ambientale; inoltre promuove e incentiva la bioedilizia. La nuova versione del Regolamento Emas si trova nel Regolamento (CE) n. 761/2001.