Il futuro che vogliamo inizia dal cibo

La Fao lancia l’appello ai governi che parteciperanno a Rio+20 per la sicurezza alimentare. Migliorare i sistemi agricoli e alimentari deve essere un obiettivo primario.

Il documento ”Verso il futuro che vogliamo: fermare
la fame e attivare la transizione verso sistemi agricoli e di cibo
sostenibili”
pone l’accento sul fatto che la riduzione
della fame e lo sviluppo
sostenibile
sono irrimediabilmente connessi e la migliore
gestione dell’agricoltura e del sistema
alimentare
sono la chiave per raggiungere entrambi gli
obiettivi. Sono questi i settori in cui governi e società
civile devono agire per dare vita ad un vero sviluppo
sostenibile.

“La ricerca per la sicurezza alimentare
può essere il filo conduttore che lega le diverse sfide che
abbiamo di fronte e può contribuire alla costruzione di un
futuro sostenibile. Al vertice di Rio, abbiamo l’opportunità
d’oro per esplorare la convergenza tra sicurezza alimentare e
sostenibilità” ha detto il direttore generale della
Fao José Graziano Da Silva,
aggiungendo che “migliorare i sistemi agricoli e alimentari
è fondamentale per un mondo di persone più sane e
ecosistemi più sani”.

L’agricoltura e i sistemi alimentari sono infatti i maggiori
utilizzatori di risorse: i sistemi alimentari
consumano il 30 per cento dell’energia del mondo, i raccolti e il
settore del bestiame usano almeno il 70 per cento delle risorse di
acqua. Tre quarti dei poveri del mondo vivono in aree rurali e la
maggior parte di loro dipendono dall’agricoltura per la loro
sussistenza. Il 40 per cento delle aree degradate del mondo si
trovano nelle aree ad alto tasso di povertà: “La fame
innesca un circolo vizioso di produttività ridotta, acuita,
lento sviluppo economico e degradazione delle risorse” si legge nel
rapporto. La FAO stima perdite di cibo a livello globale in 1,3
miliardi di tonnellate all’anno – circa un terzo della produzione
mondiale di cibo per consumo umano – pari a oltre il 10 per cento
del consumo totale mondiale di calorie.

Anche attraverso questo nuovo documento la Fao lancia l’appello ai
governi che parteciperanno a Rio+20
affinché si impegnino nel ridurre la fame e la denutrizione
più velocemente, delineando direzioni per il diritto al cibo
e alla terra per raggiungere la sicurezza alimentare e lo

sviluppo sostenibile
e equo.

Articoli correlati