Farinata con i cavoli

La farinata di cavoli si serve calda ma è ottima anche fredda o ripassata al forno.

100 g. di foglie di cavolo toscano
100 g. di verza
50 g. di purea di fagioli cannellini
20 g. di fagioli cannellini lessati
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
300 g. di farina gialla
1,5 l. di brodo vegetale
salvia, rosmarino
2 spicchi d’aglio
2 pomodori
olio extra vergine di oliva
sale

Preparazione
Mondare e lavare tutte le verdure. In una casseruola dai bordi alti
far appassire la cipolla, uno spicchio d’aglio, la salvia,
dopodiché aggiungere le verdure tagliate, salarle e farle
stufare per una decina di minuti. Pepare e aggiungere il brodo
caldo. Cuocere a fuoco bassissimo per almeno due ore. Nel frattempo
tagliuzzare i pomodori e lo spicchio d’aglio rimasto e far saltare
il tutto in una pentolino con olio e rosmarino. Aggiungere allo
stufato di cavolo la purea di fagioli, i fagioli interi e il sugo
di pomodoro. Aggiungere la farina gialla “a pioggia” e far cuocere
ancora 1 ora, sempre a fuoco basso e mescolando con costanza.
A fine cottura condire con olio extra vergine di oliva a crudo.

Varianti
Gli amanti del piccante possono condirla a crudo con un olio
aromatizzato al peperoncino e aggiungere cipolla rossa cruda,
tagliata sottile, a fine cottura.

Notizie e consigli
La farinata di cavoli si serve calda ma è ottima anche
fredda o ripassata al forno giusto il tempo che si formi una
crosticina croccante sulla sua superficie.

Articoli correlati
Antonio Chiodi Latini. La mia è un’alta cucina vegetale

La parola chef non lo rappresenta, così ha deciso di definirsi cuoco delle terre. È Antonio Chiodi Latini, il suo ristorante si trova a Torino. Un progetto di cucina vegetale e creativa frutto di uno studio molto importante sulle verdure, con tecniche e tecnologie di altissimo livello. “Ho pensato che la strada per il futuro