Farmaco acqua: come Kneipp insegna

Per merito di Sebastian Kneipp è stata riscoperta un’importante e antica forma terapeutica, da lui stesso migliorata con numerose innovazioni

Per merito di Sebastian Kneipp è stata riscoperta
un’importante e antica forma terapeutica, da lui stesso migliorata
con numerose innovazioni, alle quali si ispirano tuttora e in tutto
il mondo molti stabilimenti di idroterapia.

Giovane seminarista, Kneipp contrasse una tubercolosi che
l’avrebbe portato, secondo la diagnosi di tutti i medici
consultati, a morte
sicura e in poco tempo. Non volle rassegnarsi e alla ricerca di una
cura efficace consultò testi
antichi sui diversi approcci terapeutici alla ricerca. Fu
così che scoprì
l’esistenza di una tradizione millenaria, presente in quasi tutte
le culture e popolazioni: l’idroterapia. Sperimentò,
guarì e … continuò entusiasta la sua ricerca in
questo campo. Grazie a lui la tecnica idroterapica si è
molto addolcita: non solo applicazioni fredde e complete, ma anche
tiepide e calde e di estensioni ridotte.

É stato Kneipp, infatti, a scoprire il cosiddetto
principio degli stimoli: più quest’ultimo è blando,
più è efficace,
soprattutto nelle persone di costituzione delicata.
Per tutta la vita il parroco Kneipp si impegnò a lenire
le
ferite dell’anima e del corpo delle molte migliaia di persone
che
si rivolsero a lui per ricevere un consiglio.

Le applicazioni idroterapiche da lui tramandate sono circa 160,
accompagnate da numerosi consigli dietetici e fitoterapici,
perché già a quel tempo c’era bisogno di raccomandare
una vita più vicina alla natura!

Ritroviamo alcune tecniche caratteristiche presenti in tutte le
cliniche
che si ispirano a Kneipp.

  • La idrodeambulazione: camminare a piedi nudi su di un prato
    bagnato o in un ruscello o in un apposito percorso preparato con
    acqua fresca e un fondo variabile: ciottoli piccoli e grandi o
    sabbia.
  • Il riposo a letto: dopo la doccia fresca ci si corica senza
    asciugarsi, avvolti solo in un telo caldo.
  • Gli impacchi “doppi freddi”: una tecnica che si applica su
    porzioni del corpo più o meno estese e il cui obiettivo
    è quello di favorire l’afflusso di sangue nella parte da
    trattare.
  • Le docce e abluzioni di varia intensità e
    temperatura.

Gudrun Dalla Via

Articoli correlati