Fiabe e dintorni

La fiaba racconta l’avventura del crescere rivolgendosi alla parte pi

L’origine delle fiabe si perde nella notte dei tempi, ma da sempre
quest’ultime hanno parlato all’anima con un linguaggio molto
speciale.
Attraversando tutte le epoche, dai miti alle storie tramandate per
via orale, sono giunte a noi tante fiabe che hanno un grande
portato educativo, addirittura curativo per alcune situazioni
critiche.
Il loro valore è così grande e universale che vale la
pena recuperarle come “cibo per l’anima” da offrire ai nostri
figli.

Anche per noi adulti riprendere l’attitudine di leggere e narrare
fiabe potrebbe riservare qualche sorpresa positiva, per gli effetti
pedagogici che possono avere rispetto alla soluzione di problemi
educativi odierni.
Da sempre, infatti, l’umanità ha fronteggiato paure, ansie e
temi conflittuali, i temi archetipici della vita come la nascita,
la morte, l’abbandono, i sentimenti forti e le emozioni, intessendo
trame narrative per mezzo dell’immaginazione, della fantasia.
La fantasia è una facoltà del pensiero che nel creare
un mondo diverso da quello reale ma pur sempre simile ad esso,
istituisce un luogo privilegiato dove tutto è possibile
garantendo in qualche modo una sopravvivenza che mette al riparo la
psiche dall’ansia.

Il luogo della fiaba, seppur luogo di avvenimenti magici, mantiene
comunque una sua logica interna e soprattutto è il luogo
dove ogni cosa assurge a simbolo; i personaggi per esempio sono
come “essenze” di aspetti dell’anima umana, di sentimenti o
attitudini comportamentali. Si avranno perciò la matrigna
invidiosa, il cacciatore pietoso, il fanciullino generoso,
l’animale pensante e via dicendo, tutti simboli di rispettivi modi
di essere.
La fiaba ha sempre una struttura molto precisa poiché segue
uno svolgimento che ha dei riferimenti interni; attraverso certi
avvenimenti e certe azioni compiute dall’eroe conduce sempre ad un
finale pieno di senso che risolve il conflitto tra bene e male; in
sostanza mette in scena il problema ed offre la soluzione.

Ecco qualche spunto per conoscere più da vicino alcune
storie:

  • Cappuccetto
    rosso

    I problemi che il bambino deve affrontare nel corso della crescita
    sono molti, non ultimo a partire da una certa età, il
    confronto con i propri e altrui desideri sessuali. Perché
    non aiutarlo con una fiaba?
  • Re
    leone

    La storia di Re leone appare particolarmente indicata per i bambini
    nell’età preadolescenziale, quando il maschio è alle
    prese con il problema del rafforzamento dell’identificazione con il
    padre e deve fronteggiare il difficile compito della competizione
    con lui.
  • Alice nel paese
    delle meraviglie

    Chi sono? Ditemi prima chi sono: se mi piacerà di essere
    quella che voi dite, verrò su. Altrimenti resterò
    quaggiù ad aspettare di essere diventata un’altra.

Articoli correlati