Biologico

Fieragricola di Verona, appuntamenti bio

Fieragricola organizza un’area espositiva e momenti di confronto sul biologico.

Apre domani a Verona la Fieragricola-AgriFood, Fiera Internazionale
dell’Agricoltura di Qualità e della Tradizione Gastronomica
Europea. Si tratta di un’edizione rinnovata nei contenuti ed
arricchita di moltissime iniziative di rilievo internazionale:
l’appuntamento con Agrifood è biennale (la successiva
edizione si terrà nel 2005). AgriFood è la
Manifestazione dedicata alla tradizione gastronomica europea. In
questo ambito trova spazio la partecipazione delle produzioni
agricole e dei prodotti alimentari, anche biologici.
Per questa edizione l’AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura
Biologica) in collaborazione con AIAB Veneto, ICEA e Aveprobi ha
organizzato un’area espositiva al Padiglione n. 3 dove saranno
presenti aziende biologiche ma soprattutto ha organizzato, in
collaborazione con l’Ente fiera, diverse iniziative e alcuni
momenti di confronto sul biologico e il suo sviluppo.

In particolare Veronafiere organizza in collaborazione con l’AIAB
una serie di degustazioni tematiche, “Le meraviglie del biologico”,
al fine di valorizzare il patrimonio agro-alimentare italiano di
prodotti biologici. Le degustazioni saranno guidate da esperti di
analisi sensoriale di prodotti biologici italiani, tipici e
significativi della stagione (sia come stagionalità che come
reperibilità nei punti vendita). Fra i prodotti in
degustazione: arance rosse, carote, carciofi, pane, formaggi,
succhi di frutta.

L’AIAB presenta inoltre, in occasione della Fieragricola, i due
primi titoli della collana “biblioteca di agricoltura
biologica”:

– “Catechismo agricolo ad uso dei contadini”, scritto nel 1869 da
un curato della campagna padovana che, come ricorda Ferdinando
Camon nell’introduzione, coltivava il sogno di una terra “dove ci
sia equilibrio tra investimento e ricavo, tra fatica e premio, tra
uomini e ambiente, e tra uomini e animali”(Venerdi 7 marzo, ore 16,
nella saletta Mozart, 1° piano);

– “Conversione al biologico”, scritto da Vincenzo Vizioli, il libro
racconta in modo semplice ma rigoroso e completo come in Italia si
fa e si può fare bene agricoltura biologica, non solo a
norma di legge ma soprattutto a norma di agronomia e di buon senso,
iniziando da quella fase difficile e trascurata che è il
momento di transizione dal convenzionale. E’ un libro rivolto a
tutti coloro che sono seriamente intenzionati a lavorare per
l’agricoltura biologica, quella che resiste oltre i regolamenti UE
e il declino dei finanziamenti, un’agricoltura biologica strumento
di sviluppo rurale. (Sabato 8, ore 11,30, nella saletta Mozart,
1° piano).

Domenica 9 marzo, dalle 9.00 alle 18.00 presso la Sala Vivaldi del
Centro Congressi Europa, l’AIAB ha organizzato un convegno dal
titolo ” prospettive di redditività del biologico alimentare
in ambito comunitario”. La mattina del convegno sarà
dedicata ai grandi “compratori” del bio con la finalità di
comprendere quali sono le richieste e le garanzia da essi offerti
ai produttori. Il pomeriggio sarà dedicato alle
possibilità di commercializzazione per le piccole aziende
biologiche.

L’AIAB presenterà infine la “rete delle Biofattorie
Didattiche”: aziende agricole biologiche che per tutto l’anno
resteranno aperte per far conoscere alle scuole i valori del mondo
rurale e i metodi dell’agricoltura biologica attraverso visite
guidate e laboratori rivolti a bambini e ragazzi delle scuole
materne, elementari e medie. Per conoscere le aziende che fanno
parte della rete e per maggiori informazioni: www.biofattoriedidattiche.aiab.it

Articoli correlati
Biologico, il momento decisivo è adesso

Le associazioni del biologico chiedono all’Italia di stare al passo con le strategie europee per una transizione agroecologica. Il commento della presidente di Federbio, Maria Grazia Mammuccini.