Film al femminile. Se il cinema si tinge di rosa

Morellini Editore, Milano 2007

?Chick? nel linguaggio familiare e colloquiale inglese significa
ragazza. Allora si capirà facilmente che questo libro parla
di ragazze e di donne protagoniste di film.

Donne che hanno rappresentato un?epoca, un modo di pensare.

Donne che spesso ci hanno fatto sognare. Che ci hanno insegnato
qualcosa. Che ci hanno fatto ridere e pensare. Donne alle quali
abbiamo pensato di somigliare, almeno in qualche aspetto.

Un libro composto da 110 schede, rigorosamente ?in ordine
alfabetico di ragazza?.

E? bello notare leggendo queste schede, come alcuni registi
uomini abbiano raccontato e analizzato personaggi femminili. Come
li abbiano resi vivi ed interessanti. Pensiamo a Clint Eastwood col
la sua Maggie Fitzgerald in ?The Million Dollar Baby?. E ce ne sono
moltissimi altri di casi come questo.

Un libro davvero interessante, divertente, ironico.
Due sguardi che si incrociano e si completano: quello scrupoloso
del critico cinematografico, Enrico Giacovelli, e quello più
ironico e intimistico della giornalista Viviana Ponchia.

Un?unica meta (perfettamente raggiunta) : far rivivere al
curioso lettore le emozioni del grande cinema al femminile.


Silvia Passini

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

Jorge Amado. Cibo da leggere

“Queste sciocche trovano puzzolente la cipolla: che ne sanno loro di aromi puri? A Vadinho piaceva mangiare la cipolla cruda, e il suo bacio sapeva di fuoco”. Jorge Amado – Dona Flor e i suoi due mariti.

Gatto. Il Ragdoll

Nasce negli anni ’60 in California (Usa). La sua totale fiducia nell’uomo lo porta a rilassarsi completamente e ad abbandonandosi proprio come una bambola di pezza (Rag-doll).