Fondazione Schwab e World Economic Forum: Marco Roveda ‘Imprenditore Sociale dell’Anno’

Scelto tra i 120 migliori imprenditori sociali del mondo, Marco Roveda è stato scelto come ‘Imprenditore Sociale dell’Anno’

L’impresa LifeGate e l’uomo – l’imprenditore – Marco Roveda, sono stati giudicati i vincitori per l’Italia del premio “SocialEntrepreneur of the Year” e insigniti dell’altissimo riconoscimento dalla Schwab Foundation for Social Entrepreneurship.

Marco Roveda, fondatore di LifeGate
Marco Roveda, fondatore di LifeGate

Fondata dal presidente del World Economic Forum, Klaus Schwab, e sua affiliata, la fondazione raggruppa i centoventi migliori imprenditori sociali del mondo (di cui solo due italiani). Per gli imprenditori di tutto il mondo è una piattaforma comune per il riconoscimento delle innovazioni sociali. Del suo consiglio di amministrazione fanno parte, oltre a Klaus e Hilde Schwab, il premio Nobel per la pace Muhammad Yunus, lo scrittore Paulo Coelho, Quincy Jones, la First Lady sudafricana Zanele Mbeki.

Cinque, i criteri di selezione per il premio. Innovazione, che vuol dire trasformare la società con strumenti, metodi nuovi. Sostenibilità, cioè capacità di autoalimentarsi, orientando i profitti verso il cambiamento. Impatto sociale diretto, quantificabile e documentato. Espansione, l’aver superato i confini iniziali. E infine replicabilità internazionale: chance di esportare il modello in altri paesi del mondo.

In ognuna delle 30 nazioni censite è stata identificata una figura imprenditoriale di riferimento. Per gli Stati Uniti ad esempio è stato premiato J.B. Schramm, fondatore della College Summit, Inc., in Francia Anne-Karine Stocchetti, per i sistemi di franchising sociale Optimômes e Gepetto, dedicati ai bambini. Brasile: Helio Mattar, fondatore dell’Instituto Akatu, centro multimediale e multidisciplinare per il “consumo cosciente”. In India il premio è andato a Harish Hande, che con la sua Selco Solar Light ha elettrificato paesi rurali di mezza India, coniugando progresso, emancipazione sociale ed ecologia.

“Emozionante? ha commentato Marco Roveda – aver conosciuto oltre cento imprenditori dell’anno, di trenta nazioni diverse. L’atmosfera era speciale, mi sono commosso poi quando ho conosciuto chi, come noi, lavora per diffondere consapevolezza non combattendo gli effetti bensì la causa. Come? Diffondendo coscienza”.

Questa edizione del contest internazionale ha visto la conferma della media-partnership del settimanale Panorama.

 

Articoli correlati
L’Oscar dell’ecologia a un italiano

Rossano Ercolini, fondatore del movimento Rifiuti Zero, è un insegnante elementare di 56 anni di Capannori, in provincia di Lucca. Dal 1976 si batte per sensibilizzare la popolazione sui rischi dell’incenerimento dei rifiuti e sulla loro corretta gestione. Oggi ha vinto l’Oscar dell’ecologia.

Mercalli, cultura e buonsenso non bastano più

L’anno appena concluso è stato l’annus horribilis per il clima. Il più caldo di sempre (da quando si misura la temperatura) negli Usa, l’ondata di caldo eccezionale in Australia e di freddo in India, l’ultimo uragano che si è abattuto sulla coste atlantiche degli Usa.