Gatto. Il felino delle foreste norvegesi

Citato in tutta la letteratura nordica, questo piccolo “quasi lupo di mare” è considerato il gatto sacro dei vichinghi.

Nessuno sa da dove viene, però è universalmente
considerato il felino sacro dei vichinghi.
Andava per mare con i marinai con il compito di difendere le stive
delle navi, contenenti le scorte di cibo, dai topi.
Qualche volta scendeva dalla nave e decideva di colonizzare il
territorio, così ha fatto in Sicilia, in Francia, in
Inghilterra e in America settentrionale.

E’ un gatto forte e imponente, la sua cute si ispessisce durante
l’inverno e il pelo si allunga anche di dieci centimetri rispetto
all’estate.
Il mantello è doppio, il sotto pelo è spesso e
lanoso, mentre il pelo è spesso e idrorepellente.
Le orecchie sono protette da ciuffi di pelo e il collo è
adorno di una folta pelliccia.

Durante l’estate perde il pelo.

E’ uno straordinario scalatore, sale fino a 20 metri di altezza per
poi scendere a spirale e a testa in giù .
E’ un gatto paziente, non aggressivo e detesta le smancerie.

 

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.