Genio e… crudeltà

“Il Camaleonte di Perrault”: a Milano uno spettacolo di sensi, pensieri, paure, per metterci nei panni di un camaleonte. Teatro, musica e dibattito su un tema che coinvolge il rapporto tra l’uomo e gli animali.

La storia di un camaleonte catturato per essere deportato verso la
Francia, immaginata e raccontata in un evento dei sensi, che si
svolgerà in tre spazi principali: un tunnel illuminato
“metafisicamente”; una spirale da attraversare fisicamente (le
stanze della vita, e della storia del mondo); e la stanza dell
iper-realismo, con alcune sorprese.

Tutto nasce dall’ambigua figura di Claude Perrault (architetto di
Luigi XIV il Re Sole, fratello di Charles, lo scrittore di fiabe),
e, purtroppo, pure primo vivisezionatore della storia…

Il pubblico verrà “costretto” a ripercorrere in prima
persona (e in tutti i sensi!), la sfortunata vicenda del camaleonte
fatto deportare da Perrault dalla sua terra natale (l’Africa), per
finire a Versailles su di un gelido stabulario, per essere…
vivisezionato, sacrificato in nome della “conoscenza”, “scienza” e
del “progresso”.

L’idea del regista, Filippo Lombardi, è quella di farci
immedesimare in quel camaleonte. E, pensando a tutti gli altri
esseri viventi, rivedere con quegli occhi i temi centrali nella
nostra epoca: la curiosa insensibilità e l’onnipotenza della
scienza, l’antropocentrismo, la sopraffazione.

Il giorno 21 aprile vi sarà anche un incontro-dibattito al
Politecnico di Milano, dalle 18 alle ore 20 e 30: “Etica e
razionalismo; scienza ed etica, oggi; antropocentrismo come
suicidio?!” con la partecipazione di: Massimo Cacciari, Carlo Sini,
Abdel Malek Smari, Giorgio Pigafetta, Giuliana Mieli, e con la
proiezione di un video esclusivo, con Moni Ovadia.

Dall’omonimo dramma di Giorgio Pigafetta, musica di
Giampaolo Verga, disegno animato a cura di Silvia d’Elia. Regia di
Filippo Lombardi.
Il camaleonte di Perrault.
Dal 21 al 26 aprile 2004, a Milano, spazio Xpò, via Benaco
24.

Inizio, ore 20.30 (poi ciclicamente,fino alle ore 24: ultimo
ingresso , ore 23 e 10), salvo il giorno 21, inizio fissato per le
21 e 30.
con: Sisifo Seduto, e la partecipazione dei poeti: Sandro Boccardi,
Giancarlo Consonni, Graziella Tonon, Alberto Casiraghy (editore de
“Il pulcino e l’elefante”, e illustratore delle poesie di Alda
Merini), Raymond Ball.
Ingresso Euro 5: + Euro 2, per la tessera annuale Spazio
Xpò. (Ingresso libero per i vegani!).

Articoli correlati
Livingston e gli altri uccelli

Milano, Teatro Smeraldo, fino al 30 ottobre, poi Trieste, Brescia, Genova, Bari, Palermo, Rimini, Viareggio, Varese, Sassuolo, Cossato, Forl

I gusti del teatro

Cibo e recitazione sono di scena all’interno de “L’ultima luna d’estate”, il festival di teatro popolare e ricerca che il parco di Montevecchia e della valle del Curone ospita dal 29 agosto al 7 settembre.