Get up! Ecco il nuovo album di Ben Harper

Non si hanno ancora molte notizie del nuovo lavoro di Benjamin Chase Harper, più semplicemente Ben Harper, ma quelle che si hanno già bastano per far intuire che si tratterà di un lavoro straordinario. Il disco sarà disponibile a fine gennaio prossimo, a pochi mesi da By my Side, retrospettiva attesa per il 16 ottobre

Non si hanno ancora molte notizie del nuovo lavoro di Benjamin
Chase Harper, più semplicemente Ben
Harper
, ma quelle che si hanno già bastano per
far intuire che si tratterà di un lavoro straordinario.
Il disco sarà disponibile a fine gennaio prossimo, a pochi
mesi da By my Side, retrospettiva
attesa per il 16 ottobre prossimo che raccoglie i
brani preferiti e selezionati dallo stesso Ben Harper.
Uscirà per la storica etichetta di Memphis Stax
Records/Concord Music Group
, la stessa che fu casa
discografica tra gli altri di Otis Redding e
Isaac Hayes, ma soprattutto Get
Up!
segnerà un’importante collaborazione con
l’armonicista blues Charlie Musselwhite.

Musselwhite, vera e propria leggenda del blues, è stato
definito da Big Joe Williams “uno dei più
grandi armonicisti del country blues”, nonostante Charlie sia stato
leader di band electric blues. La sua carriera inizia
negli anni ’60: dopo essersi trasferito da Memphis a Chicago,
diviene presto presenza importante nei club blues locali, suona dal
vivo con grandi personaggi come Little Walter e Sonny Boy
Williamson II e, prima di formare il suo primo gruppo, incide
dischi con Tracy Nelson e Big Walter Horton. Più
recentemente ha suonato in numerosi album di musicisti
contemporanei, tra cui Mule Variations di
Tom Waits e Suicide Blonde degli
INXS.

Tornando a Get Up!, l’album registrato a Los Angeles, è
stato prodotto dallo stesso Ben Harper che, a proposito, ha
dichiarato: “Io e Charlie era da più di dieci anni che
volevamo fare questo disco e adesso non vedo l’ora di proporlo dal
vivo… Ci siamo incontrati su un palco, entrambi suonavamo
con John Lee Hooker e da subito ci siamo trovati in sintonia.
Entrare finalmente in studio insieme è stato come un
naturale completamento di quel feeling iniziale”.

L’album sarà in venduta il 29 gennaio prossimo, ma intanto
godiamoci il video di un’altra grande collaborazione di
qualche anno fa: Ben Harper e The Blind Boys of Alabama
nell’altrettanto grande album del 2004 There Will be a
Light
, al quale collaborò anche Charlie
Musselwhite.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Ben Harper – Give Till It’s Gone

Mr. Harper, lo sappiamo, ha un talento speciale. È uno dei musicisti e cantautori più significativi degli ultimi vent’anni, ottimo autore di testi, personaggio carismatico e affascinante, socialmente impegnato. Ha da poco superato i 40 anni, con il penultimo lavoro ha cambiato band e oggi dà alle stampe il decimo album in studio. Disco particolare,

Diamonds on the inside – Ben Harper

Diamonds on the inside – Ben Harper Un disco che è una conferma e una rivelazione: Ben Harper è sempre più bravo. Un disco eclettico che tocca molti generi (dal reggae, al funky, al soul all’hard rock) riuscendo a mantenere una coerenza stilistica di fondo. Un disco da cui traspare calore, umanità, dignità e speranza.

L’album LifeLine di Ben Harper

Sono veramente in pochi quelli che dopo un tour mondiale di un anno dove si è appena finito di suonare un disco nuovo. Riescono ad entrare in uno studio nella città della data conclusiva (Parigi) e mettersi a registrarne un altro, in una settimana e su un 16 tracce analogico. Ben Harper, che è uno