l’Europa dei parchi

Il 24 maggio tutta l’Europa festeggia i parchi naturali. In Italia i giorni di festa sono estesi a tutto il periodo che va dal 18 al 26 maggio.

Il primo parco europeo fu istituito 93 anni fa, il 24 maggio 1909,
in Svezia.
Da quella storica data il processo di costituzione di aree protette
si è allargato a macchia d’olio coinvolgendo a più
riprese tutta l’Europa.
Oggi lungo tutto il territorio italiano possiamo contare su ben 671
aree protette, nella maggior parte di competenza regionale. Grazie
a queste realtà, che sono delle vere e proprie oasi per gli
amanti della natura, si riesce a mantenere in vita la
biodiversità. Piante e animali, che altrimenti non avrebbero
più posti compatibili con le loro esigenze vitali, vi
trovano rifugio. Tra questi vale la pena ricordare il lupo,
l’aquila reale, la lince, l’asinello dell’asinara o la foca
monaca.

Il panorama italiano delle Aree protette è il più
ricco d’Europa e dimostra che l’istituzione di un parco non
significa una lista di divieti da subire, fanno sapere i
responsabili del sistema parchi. A parte il famigerato divieto di
caccia, i parchi offrono una vasta gamma di attività e
incontri dove cultura, sport e natura vengono mescolati
felicemente.

Per il periodo della festa dei parchi Legambiente ha organizzato
oltre cento iniziative lungo tutta la penisola. Tra queste
attività possiamo esplorazioni in mountain-bike, bird
watching, escursioni notturne, trekking e gite a cavallo sotto gli
archi dell’acquedotto romano o corsi per cucinare con le piante
spontanee.

Per informarsi dove e come partecipare alle diverse iniziative:
www.parks.it

Articoli correlati