Giornata nazionale dell’albero 2011

Oltre 15mila alberi piantati in Italia, tra giovani alberelli e specie antiche da frutto, e iniziative culturali in 1600 scuole e in tutte le città per celebrare la ‘Giornata nazionale dell’albero’.

Tra ieri e oggi saranno piantati in tutta Italia oltre 15mila
alberi in occasione della seconda edizione della ‘Giornata
nazionale dell’albero’, indetta dal ministero dell’Ambiente per
sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo del patrimonio
boschivo nella tutela della biodiversità, nel contrasto ai
cambiamenti climatici e al dissesto idrogeologico. Le alluvioni
delle ultime settimane che hanno colpito l’Italia hanno mostrato
ancora una volta come la mancanza di cura per il territorio, il
disboscamento e i numerosi incendi aggravino gli effetti di eventi
meteorologici estremi.

La dedica a Sandro Usai e agli ‘angeli del
fango’
Siccome nei recenti eventi che hanno colpito la
Liguria e la Toscana un volontario, Sandro Usai, ha perso la vita
per prestare soccorso ad alcuni cittadini di Monterosso in pericolo
a causa dell’alluvione, i ministeri dell’Ambiente, dell’Istruzione,
dell’Università e della Ricerca hanno deciso di dedicare la
Giornata dell’Albero alla giovane vittima insignita della Medaglia
d’oro al Valor Civile, che il Capo dello Stato consegnerà
direttamente ai familiari nel corso della cerimonia al Quirinale,
intitolata anche agli ‘angeli del fango’.

1.600 enti, tra scuole e comuni, e 15mila nuovi
alberi
Quest’anno l’adesione da parte di scuole e
comuni e’ stata massiccia: oltre 1.600 gli istituti scolastici e i
comuni che hanno deciso di partecipare mettendo a dimora nei propri
spazi verdi gli alberelli forniti dal ministero dell’Ambiente con
la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato. Grazie a questa
iniziativa fra domenica e lunedì saranno piantati in tutta
Italia oltre 15mila alberi e saranno organizzati eventi, iniziative
e manifestazioni in piazza. In collaborazione con l’Associazione
Patriarchi d’Italia, nelle città di Torino, Ferrara,
Campobasso, Reggio Calabria e Roma, saranno messe a dimora alcune
specie di alberi da frutta ormai rarissime, per ricordarne
l’importanza e tentare di evitarne l’estinzione.

Il ‘Bosco del respiro’ in 25 città
italiane
In particolare, il ministero dell’Ambiente,
in collaborazione con l’associazione Green City Italia, con
l’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini e con
i Comuni aderenti organizza in 25 città italiane
l’iniziativa denominata ‘Bosco del respiro’. Si tratta di
un’installazione artistica creata con 21 alberi autoctoni
rispettosi della biodiversità dei singoli luoghi, alti 5/6
metri che comporranno un piccolo bosco posizionato nelle piazze
più belle delle città aderenti (fra cui Roma, Milano,
Bari, Torino, Firenze, Bologna, Palermo, Padova, Venezia, Cagliari,
L’Aquila e Lampedusa, Ancona), a simboleggiare l’unione fra
l’ambiente, la cultura e la storia. Ogni installazione
rimarrà alcuni giorni nelle piazze e al termine gli alberi
saranno donati alle scuole della città ospitante che li
pianteranno nei propri giardini. A Roma il ‘Bosco del respiro’
è in Piazza del Popolo, inaugurato alla presenza del
ministro Clini, del sindaco Alemanno e dell’assessore all’Ambiente
del Comune di Roma Marco Visconti.

Articoli correlati