Golden Gavi, vini da scoprire

Prima di iniziare la degustazione e la scoperta del Gavi bisogna conoscere qualcosa di più.

Il territorio del Gavi è intonso: non
ci sono industrie, non ci sono strade ampie e illuminate, non ci
sono ponti o altro che impatti sull’ambiente. E’ un territorio
fermo a trent’anni fa, non ci sono nemmeno ripetitori: un’oasi di
natura nel cuore dell’Italia più industrializzata.

Non ci sono nemmeno culture impattanti come i cereali o
l’ortofrutta estensiva, non ci sono allevamenti di bestiame se non
ancora a dimensione artigianale. Anche l’agricoltura è molto
pura, non solo sotto il profilo paesaggistico fatto solo di viti e
boschi, ma soprattutto sotto il profilo chimico, dato che i
maggiori pericoli vengono sempre dalle culture estensive e in Gavi
nulla è “estensivo e industrializzato”. Può essere
che sia sempre frutto dell’eccessiva riservatezza, ma la
verità è che il vino Gavi, da sempre vero oro del
territorio, è buono solo se la vite è sana e
“felice”.

Le valli del Gavi sono sane e naturalmente
protette: è opinione diffusa che il biodinamico o il
biologico siano tali solo in terreni adatti e naturalmente protetti
dalle malattie più aggressive. E i terreni del Gavi sono
così, si sono sempre difesi in modo attivo ma naturale che
rende il territorio unico.

Nonostante questo, il territorio dove si produce
il Gavi è ancora quasi
sconosciuto
, tanto da non essere rappresentato nelle
più importanti guide turistiche del Piemonte. Perché?
Le radici nobiliari della vita del Gavi, la naturale ritrosia, una
certa scontrosità contadina unita alla riservatezza della
grande nobiltà genovese e della borghesia meneghina che
l’hanno tradizionalmente scelto come luogo di vacanza, hanno
preservato le valli da qualsiasi modernizzazione, tanto da
considerare le attività promozionali qualcosa di
inutile.

La maggior parte dei tesori della zona, come ville e castelli, sono
ancora di proprietà di queste nobili famiglie quindi
è impossibile avere accesso al cuore del territorio del
quale si percepisce solo il clima: antico e impenetrabile. Per
tutti questi motivi, è stato creato un percorso aperto ai
visitatori durante tutto l’anno:
La Via del Vino Golden Gavi
. Questo percorso è
l’unico strumento per accedere alle vere bellezze della zona,
partendo dalle dieci storiche aziende vitivinicole.

Articoli correlati