Giovani ecoreporter crescono!

Oltre 30.000 studenti di tutt’Italia si sono improvvisati piccoli reporter e hanno raccontato a Green Cross il loro impegno per l’ambiente. 13 le scuole premiate tra le oltre 1.000 partecipanti. In giuria l?attrice Sascha Zacharias, il produttore cinematografico Claudio Bonivento, lo scenografo Francesco Graziosi e il giornalista verde Marco Gisotti.

Tempo di vacanze, tempo di premiazioni per i “giovani reporter”
scelti tra gli oltre 30.000 studenti che, nello scorso anno
scolastico hanno partecipato al Concorso Nazionale “Immagini per la
Terra”.

L’organizzazione ambientalista Green Cross Italia ha invitato
bambini e ragazzi delle scuole di tutt’Italia a “immedesimarsi”
nelle diverse professioni del mondo della comunicazione odierna. Il
tema, svolto insieme ai loro insegnanti: raccontare lo stato del
clima e dell’ambiente, rispondendo in modo soddisfacente
all’appello lanciato dall’organizzazione ambientalista: “la Terra
cambia, e noi?”.

Primi premi e menzioni sono stati assegnati da una giuria composta
da insegnanti, giornalisti, attori ed esperti di comunicazione
ambientale, i quali, a partire dal 31 marzo, data di scadenza
dell’invio dei lavori da parte degli istituti scolastici, si sono
riuniti per la fase di valutazione degli elaborati. Tra i giurati
l’attrice Sascha Zacharias, il produttore cinematografico e regista
Claudio Bonivento, il grafico e scenografo Francesco Graziosi, il
giornalista Marco Gisotti.

I “giovani reporter del cambiamento climatico” hanno fatto i
piccoli giornalisti, addetti stampa e inviati speciali, ma anche
cantanti, compositori, attori, scenografi e pubblicitari.
Quest’anno si sono distinte per numero di partecipanti le scuole
primarie, tra cui primeggiano per merito quelle del Friuli Venezia
Giulia e della Puglia. Tanti, inoltre, i lavori digitali, rispetto
ai tradizionali invii in formato cartaceo. Il sito per la raccolta
dei lavori è stato reso a Impatto Zero® da LifeGate.

Le scuole partecipanti alla XVIII edizione si sono dimostrate
sensibili alle tematiche ambientali anche promuovendo, all’interno
dei percorsi educativi, conferenze aperte al pubblico,
manifestazioni cittadine, laboratori per realizzare oggetti con
materiale riciclato e la piantumazione di alberi nei giardini
scolastici.

“Un’adesione delle scuole italiane così cospicua ci dimostra
che molti insegnanti sono dalla parte giusta – afferma Elio
Pacilio, presidente di Green Cross Italia – e che c’è un
grande impegno per educare gli studenti, fin dall’infanzia, ad
avere un senso di responsabilità verso i problemi legati al
cambiamento climatico e, in generale, all’ambiente. I lavori di
quest’anno sono molto interessanti e i percorsi didattici sono
validi, originali e stimolanti”.

Ecco le scuole vincitrici della XVIII edizione:


Primo premio Scuole dell’Infanzia
– Scuola dell’Infanzia l’Albero Azzurro – Vasto (CH)
– Scuola dell’Infanzia Ortolani – Camerino (MC)

Primo premio Scuole Primarie
– Scuola Primaria Silvio Pellico – Arzene (PN)
– Circolo Didattico Vanini – Taurisano (LE)
Menzione d’Onore
– Circolo Didattico Gela II – Gela (CL)
– Scuola Primaria De Gasperi – Piacenza (PC)

Primo premio Scuole Secondarie di Primo Grado
– Scuola Media Aldo Moro – Gorlago (BG)
– Scuola Media Leonardo Da Vinci – San Marcellino (CE)
Menzione d’Onore
– Scuola Media Michelangelo – Bari (BA)

Primo premio Scuole Secondarie di Secondo Grado
– Istituto Magistrale Caterina Percoto – Udine (UD)
– Istituto Nautico San Giorgio – Genova (GE)
Menzione d’Onore
– Istituto Superiore Enrico Mattei – San Lazzaro di Savena (BO)
– Istituto Magistrale Campanella – Lamezia Terme (CZ)

Queste scuole riceveranno un contributo di 1.000 euro per
realizzare iniziative ambientali a livello locale.

Articoli correlati
Salviamo i ciclisti

The Times ha lanciato la campagna in seguito a un grave incidente che ha coinvolto Mary Bowers (nella foto), una giovane giornalista. Ma i ciclisti britannici caduti sulle strade negli ultimi dieci anni, sono stati oltre 1.200. Così alcuni cittadini hanno deciso di chiedere alla politica di impegnarsi per salvare gli amanti della bicicletta. Nello