Honda, una gamma ibrida a prova di campione

I risultati del test drive? Molto soddisfacenti, in particolare per quanto riguarda “Eco Assist”, ovvero il sistema di guida assistita per ottimizzare al massimo i consumi. Il sistema comprende una parte di addestramento che si sviluppa attraverso degli indicatori. Per quanto riguarda quello della velocità, i colori passano dal blu al verde, per indicare il

I risultati del test drive? Molto
soddisfacenti, in particolare per quanto riguarda “Eco Assist”,
ovvero il sistema di guida assistita per ottimizzare al massimo i
consumi. Il sistema comprende una parte di addestramento che si
sviluppa attraverso degli indicatori. Per quanto riguarda quello
della velocità, i colori passano dal blu al verde, per
indicare il tipo di guida che il conducente sta adottando: se
l’indicatore si illumina di verde allora vuol dire che si sta
procedendo con una guida parsimoniosa, orientata cioè al
risparmio di carburante e al rispetto dell’ambiente; se invece il
display si illumina di blu allora bisogna cambiare modalità
di guida.

Un altro indicatore, posizionato a sinistra nel
quadro strumenti, ci consiglia il tipo di guida da adottare. I
colori sono sempre il verde e il blu, questa volta però
è una lancetta che ci fa da bussola per il rispetto
dell’ambiente. Il giusto metodo di guida è quello che ci
consente di mantenere la lancetta nel mezzo tra la colorazione
verde e quella blu.

Il risparmio dell’ambiente viene inoltre premiato
(simbolicamente), in quanto delle foglioline virtuali si aggiungono
nel quadro strumenti dopo ogni guida meritevole

Passando alla disamina del motore,
oltre al nuovo propulsore a benzina, Insight si avvale di un motore
elettrico perfezionato che utilizza bobine con avvolgimenti ad alta
densità e magneti ad alte prestazioni in grado di erogare
una coppia e 78 Nm ed una potenza di 14 Cv.

Tutto questo è stato possibile nel corso
dell’iniziativa “Honda Green event”, durante la quale sono stati
presentati anche gli altri modelli di punta della gamma ibrida a
basse emissioni CR-Z, Jazz e lo scooter a bassi consumi PCX.

Guest star della giornata, il pilota della Moto GP
Marco Simoncelli, che abbiamo intervistato per LifeGate Radio.

La casa automobilistica giapponese ha altri progetti interessanti in cantiere, specialmente per quanto riguarda le vetture ibride: la “Jazz Hybrid”, vettura del segmento B, farà il suo debutto in Europa nei primi mesi del 2011 mentre
“Honda FCX Clarity”, monovolume a idrogeno, che inizialmente non
sarà omologato negli USA per uso privato ma solo commerciale.

Ascolta
l’intervista di LifeGate Radio a Marco
Simoncelli

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Prova su strada: Honda Clarity Fuel Cell e l’idrogeno possibile

650 chilometri di autonomia. Il “pieno” in pochi minuti, viaggiando a zero emissioni, o meglio emettendo unicamente particelle d’acqua. Nel massimo silenzio. E no, non stiamo sognando. E nemmeno vaneggiando. Molto più semplicemente, abbiamo avuto modo di provare la nuova Clarity Fuel Cell; la berlina a idrogeno realizzata dalla Honda, rivale diretta della Toyota Mirai.

GM-Honda: i costi per le fuel cell saranno ridotti entro il 2020

In occasione del SAE 2014 Hybrid & Electric Vehicle Technologies Symposium in California, General Motors ha ribadito l’obiettivo di creare tecnologie insieme al partner di settore Honda per ridurre drasticamente i costi delle fuel cell entro il 2020.   GM e Honda hanno siglato un accordo nel luglio 2013 per lo sviluppo congiunto di una

Honda e GM, passi avanti verso l’idrogeno

L’obiettivo dichiarato tra i due giganti dell’automobile Honda e General Motors , è quello di ottenere celle a combustibile ed uno stoccaggio di idrogeno commercialmente sostenibile entro il 2020, avviando così la commercializzazione di massa del combustibile di prossima generazione. “Questa collaborazione si basa sui punti di forza di Honda e GM in qualità di leader nelle tecnologie

A Bolzano la prima centrale per produrre idrogeno

Continuano i lavori nell’area dove sorgerà l’H2-Sudtirolo, la prima centrale per produrre idrogeno da fonti rinnovabili del nostro Paese. Il progetto vede la collaborazione tra l’Istituto per le Innovazioni Tecnologiche, che gestirà il centro, la A22 che ha messo a disposizione l’area e gli edifici e il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale che cofinanzia

Idrogeno, chiavi in mano

Siamo forse davanti a una tappa storica nell’evoluzione del settore automobilistico e nello sviluppo della tecnologia del trasporto futuro: Honda Motor Co. America ha annunciato il 30 giugno scorso la prima consegna al mondo (con una forma particolare di leasing) ad un cliente privato della sua FCX, l’avanzata vettura Honda a idrogeno. Jon e Sandy Spallino