L’hotel per le vacanze? Come sceglierlo green

Da un sondaggio realizzato da Tripadvisor, gli italiani risultano essere tra i più esigenti in materia di sostenibilità al momento della scelta dell’hotel.

Gli italiani sono nella top ten tra i viaggiatori più
attenti alle pratiche sostenibili adottate dalle strutture
ricettive scelte nei loro viaggi e spostamenti. È quanto
emerge al TripBarometer, il più grande sondaggio al mondo su
strutture ricettive e su viaggiatori, realizzato da TripAdvisor, uno dei siti dedicati
al viaggio più cliccati al mondo.

Per 4 italiani su 5 (86%) la scelta dell’hotel è influenzata
dalle misure eco-friendly che offrono le strutture, dimostrando una
sensibilità sul tema superiore alla media europea e a quella
mondiale, che si attesta rispettivamente al 78% e al 79%,
conquistando appunto la decima posizione a livello mondiale per la
loro attenzione agli aspetti eco.

“Le pratiche green sono sempre più importanti per il settore
turistico italiano sia per i viaggiatori sia per i proprietari
delle strutture”, ha commentato Valentina Quattro, portavoce di
TripAdvisor per l’Italia.

Infatti più di 9 proprietari di strutture ricettive su 10
concordano sull’importanza di adottare accorgimenti eco-friendly,
anche se solo il 72% ha realmente adottato questo tipo di misure.
Tra gli accorgimenti più diffusi, l’impiego di lampadine a
risparmio energetico (93%), il programma di riutilizzo degli
asciugamani (74%) e la presenza di termostati regolabili
all’interno delle stanze (62%).

“Il fatto che tre quarti dei proprietari di hotel abbiano
già adottato misure eco-responsabili è un’ottima
notizia non solo per l’ambiente ma anche per l’offerta turistica
del Bel Paese”.

Occhio
all’etichetta!

Progetto rivolto
ad hotel indipendenti e catene alberghiere tra cui le strutture di
Best Western,
grazie al quale gli hotel si impegnano nella gestione sostenibile
della propria attività monitorando i consumi, attuando
azioni di efficienza energetica e riducendo il proprio impatto
ambientale grazie a comportamenti virtuosi.

È
il programma adottato dal gruppo Accor
che consiste in 21 punti da seguire per raggiungere la
sostenibilità ambientale come struttura alberghiera. Ecco
allora il riciclo dell’acqua piovana, le energie rinnovabili, o
ancora menù a km 0 o personale scelto tra i locali.

È la
certificazione internazionale
forse più conosciuta e articolata. Prevede di aderire a ben
337 criteri di certificazione che vanno dalla gestione della
struttura, al riciclo dei rifiuti,alla scelta dei prodotti e
all’energia, nonché all’attenzione dedicata dal gruppo
alberghiero alla CSR.

È
la certifcazione ambientale ufficiale dell’Unione Europea, uno
strumento di politica ambientale ed industriale a carattere
volontario volto ad incentivare la presenza sul mercato di prodotti
“puliti”.

Articoli correlati
Barcellona: green city

Barcellona si distingue per l’impegno verso le energie solare. Dal 2000 edifici devono avere l’approviggionamento d’acqua calda per il 60% da energia solare