I Ching, il libro dei mutamenti

Libro dei mutamenti, di saggezza e divinazione, l’essenza del pensiero cinese, consapevolezza del continuo mutamento che avviene nell’ambito di leggi eterne

Il “Libro dei mutamenti”, in cinese I Ching, è senza
dubbio uno dei più grandi capolavori della letteratura
mondiale. Pur avendo origini molto antiche conserva sino ai nostri
giorni una notevole attrattiva per studiosi sia orientali che
occidentali
. E’ stato portato in Europa nel 1600 dai
padri Gesuiti, ma ha potuto essere tradotto in un linguaggio
comprensibile solo 300 anni dopo da Richard Wilhelm, un esperto
sinologo tedesco, con la collaborazione dello psicologo Carl Gustav
Jung
.

Il libro dei mutamenti è un opera maturata organicamente nel
lento corso dei millenni. E’ nato inizialmente come oracolo,
basandosi sul principio della corrispondenza esistente tra micro e
macrocosmo
. I 64 diversi esagrammi che compongono il
libro riassumono la totalità dell’esperienza umana,
mettendola in rapporto a situazioni corrispondenti sul piano
cosmico. Il loro commento si è arricchito attraverso i
secoli con interpretazioni, sentenze e consigli di tutti i
più grandi esponenti del pensiero cinese.

I Ching è, quindi, allo stesso tempo un libro di saggezza e di
divinazione.

Si esprime attraverso simboli composti da linee intere e spezzate
che rappresentano le due polarità del mondo manifesto, la
forza chiara, celeste, attiva, yang, e quella oscura, terrena,
ricettiva, yin.
L’idea fondamentale dell’I Ching è quella del continuo
mutamento, che avviene nell’ambito di leggi eterne e
immutabili.
Gli esagrammi sono composti da sei linee e rappresentano gli stati
del mutamento. Ogni esagramma è la raffigurazione di una
reale situazione sul piano cosmico, sempre sottilmente connessa con
la realtà individuale. E’ proprio sulla profonda
corrispondenza esistente tra il visibile e l’invisibile che
è basata la funzione divinatoria dell’ I Ching.

La consultazione attiva l’intelligenza intuitiva, permettendo di
penetrare nelle profondità della natura e dello spirito. I
responsi offrono spunti di riflessione e forniscono le indicazioni
necessarie per agire conformemente alle esigenze della situazione.
Sarà la persona stessa ad avere la responsabilità di
cogliere il messaggio nella sua essenza e utilizzarlo per
promuovere la crescita e il cambiamento nella propria vita e per
accedere ad una più profonda comprensione della dimensione
spirituale
.

Marcella
Danon

 

Articoli correlati