I green manager del futuro nascono a Venezia

Preparati per supportare le aziende nei percorsi di sostenibilità, attraverso lo studio di materie accademiche e scientifiche che vertono principalmente su tematiche ambientali.

Un centro di formazione internazionale fondato nel 1995 su
iniziativa dei
due atenei
veneziani, della Provincia di
Venezia, della LMU di Monaco di Baviera, della UAB di Barcellona,
della Duke University (USA) e della Fondazione di Venezia, che
accoglie ogni anno nel proprio campus più di duecento
studenti di diverse nazionalità.

Studenti che vivono insieme,
studiano e fanno ricerca
su di un ampio
spettro d’attività accademiche e scientifiche che vertono
principalmente su innovazione, sostenibilità ambientale e
Beni Culturali.

“Abbiamo iniziato molti anni fa, proprio qui alla VIU – ha
ricordato Corrado Clini, direttore generale del Ministero
dell’Ambiente
– formando gli alti funzionari cinesi
che oggi sono diventati viceministri e direttori generali di
ministeri. Un patrimonio di oltre 6.500 allievi che oggi generano
come controparte un importante movimento di studenti verso la Cina
e gli altri Paesi dell’Est”.

Grazie ad esempio al “Globalization
Program
“, la VIU ha già formato giovani
manager, preparati per supportare le aziende nei processi di
internazionalizzazione e nei percorsi di sostenibilità,
già in grado di dare un contributo fattivo alla crescita
delle imprese. Alcuni di questi sono già inseriti nel mondo
del lavoro, trovando occupazione all’interno della Comunità
Europea, di aziende italiane in Cina, di aziende cinesi o in
Università americane.

“Ca’ Foscari è entrata con grande impegno nel Globalization
Program – ha dichiarato Tiziana Lippiello, direttrice del
dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
dell’Università Ca’ Foscari – un programma che rappresenta
un percorso d’eccellenza unico in Italia, capace di formare figure
professionali di alta qualità. C’è la volontà
di sostenere giovani leve che portino la managerialità del
Made in Italy a competere con l’eccellenza internazionale”.

 

Articoli correlati