I lavori di dicembre

Riparare le piante più sensibili al freddo. Stiamo entrando nel periodo del sonno delle piante del nostro giardino.

  • Il solstizio d’invernoIn prossimità dell’inverno astronomico, nell’emisfero nord
    la durata del giorno decresce gradualmente fino al 21 dicembre,
    data del solstizio d’inverno, quando il sole raggiunge il punto
    più basso della sua orbita. A partire dal 22 dicembre si
    assiste al fenomeno opposto: le giornate si allungano lentamente e
    il sole riprende a salire rispetto all’orizzonte. Apparentemente, i
    vegetali appaiono totalmente immersi nel sonno dell’inverno, ma in
    realtà anche in questa parte dell’anno i loro tessuti
    registrano le impercettibili onde cosmiche che arrivano dalla luna.
    Tradizionalmente si ritiene che tali influssi siano particolarmente
    benefici quando il chiaro di luna si accompagna a notti limpide e
    fredde. Quando questo avviene è molto probabile che la
    prossima annata sarà più rigogliosa, la vendemmia
    più ricca e i raccolti più precoci. I giorni di luna
    crescente del mese sono i più indicati per la messa a dimora
    di nuovi alberi e la piantagione dei bulbi primaverili.
  • In giardinoSemine e piantagioni (luna crescente)
    Se il terreno non è gelato interrare i bulbi a fioritura
    primaverile (anemoni, crocus, fresia, giacinti d’Olanda, giacinti
    romani, iris bulbosi, mombretia, muscari, narcisi, ranuncoli,
    scilla, sparaxis, tulipani, ecc.) e mettere a dimora i nuovi rosai.
    Dove si è certi che la temperatura si mantenga per qualche
    giorno sopra lo zero è possibile mettere a dimora alberi e
    arbusti ornamentali.Lavori (luna calante)
    Dove il terreno non è gelato preparare il terreno per le
    piantagioni primaverili. Se non l’hai ancora fatto affrettati ad
    approntare i ripari necessari per proteggere le piante più
    sensibili dall’arrivo dei primi geli.

Mimmo
Tringale

Articoli correlati