I materiali innovativi di Casa3Litri

La Casa3Litri BASF, realizzata ristrutturando un edificio risalente agli anni ’50 nel quartiere Brunck di Ludwigshafen, in Germania, consuma solo 3 litri di combustibile per riscaldamento per m2 all’anno.

L’obiettivo di riduzione dei consumi della Casa3Litri è
stato raggiunto grazie a un’attenta progettazione e realizzando un
isolamento termico ottimale, con l’impiego di pannelli di
polistirene espanso di ultima generazione, di un intonaco per
interni contenente microparticelle di cera in grado di accumulare
il calore latente e di garantire una temperatura oscillante tra i
20 e i 26 C°, di infissi in PVC a doppia camera, oltre ad un
sistema di ventilazione con recupero del calore e ad una cella a
combustibile.

Questi sono i materiali che hanno reso possibili tali
performances:

per l’isolamento termico:

  • pannelli in EPS, realizzati con Neopor(r) BASF, elevata
    performance con spessori ridotti;
  • pannelli Styrodur(r) BASF in XPS: ottime proprietà
    termoisolanti, basso assorbimento dell’acqua e alta resistenza alla
    compressione;

per dipingere le pareti e verniciare:

  • intonaco con microcapsule di cera Micronal(r): garantisce una
    temperatura costante tra i 20 e i 26 C° senza l’uso del
    condizionatore d’aria;
  • sicolux(r), pigmento ad effetto metallizzato in grado di
    riflettere i raggi infrarossi, utilizzato per la verniciatura di
    tegole.

Grazie ai numerosi vantaggi offerti dal sistema Casa3Litri e
all’interesse sorto in diversi paesi europei, BASF intende
trasferire questa esperienza fuori dalla Germania iniziando
dall’Italia, dove verrà sviluppato, in collaborazione con un
team di partner, un progetto teso a creare un prototipo di casa a
basso consumo energetico: Casa3LitriRoma.

Silvia
Dugo

Articoli correlati