I paesi dove si sorride di più

Soldi e sentimenti positivi secondo un’indagine Gallup. Sono i cittadini di Singapore i meno propensi al mondo a condividere emozioni.

Misurare le emozioni personali per capire quanto incidono sul
benessere della società: è stata la sfida del
gigantesco istituto di sondaggi Gallup, che ha indagato sulla
questione per tre anni in ben 150 paesi di tutto il mondo.

 

Le emozioni negative e positive rappresentate sono emerse da
cinque domande tipo, in base alle cui risposte sono stati elaborati
i risultati:

 

– Ti sei sentito a tuo agio ieri?

– Sei stato trattato con rispetto?

– Hai sorriso o riso di gusto una volta, ieri?

– Hai imparato qualcosa di interessante?

– Hai provato qualcuno di questi sentimenti: gioia, dolore
fisico, preoccupazione, tristezza, stress, rabbia?

 

Per misurare la presenza o l’assenza di emozioni positive e
negative, la Gallup ha condotto una media in ogni paese tra la
percentuale di residenti in ogni paese che hanno risposto su tutti
i quesiti. Le emozioni negative prevalgono in Medio Oriente e in
Nord Africa, con picchi di negatività in Iraq, Bahrein e
Palestina. Al contrario, sono i paesi dell’America latina a guidare
la
classifica per le emozioni positive
con
Panama, Paraguay e Venezuela al top della lista.

L’Italia si situa a metà schieramento: il 47% degli italiani
riesce a raccontare un’esperienza positiva registrata in
giornata.

Il valore della felicità, in soldi

Gli indicatori comportamentali sono un parametro vitale del
benessere di una società, e le cifre sterili di Pil,
occupazione, inflazione e fatturati vari non riescono più a
restituire un quadro esaustivo delle complesse interazioni proprie
delle nostre società. Tutti
cercano nuovi strumenti
.

 

Non è sempre vero che all’aumentare della ricchezza,
aumenti la soddisfazione. Negli Usa, per esempio, il premio Nobel
Daniel Kahneman e l’economista di Princeton Angus Deaton hanno
dimostrato che oltre la soglia dei 75.000 dollari annui, ogni
ulteriore aumento dei guadagni incide pochissimo o nulla sulla
propria esperienza di vita. Una riprova potrebbe venire da
Singapore, un paese che ha uno dei tassi dei disoccupazione
più bassi e un Pil tra i più alti al mondo, e
ciononostante i suoi abitanti (con solo il 36% di risposte sulla
soddisfazione personale) faticano a raccontare emozioni
positive.

Insomma, neanche questa nuova ricerca Gallup chiarisce del tutto il
rapporto tra soldi e felicità. Perlomeno, non meglio di
tanti vecchi modi di dire.

Articoli correlati