I primi vent’anni del Rebirthing

La Storia del Rebirthing Dalle prime sperimentazioni sul respiro in vasca da bagno, sino alla craeazione della Theta House, dai primi seminari di formazione

A cura di Milena Screm

Nel libro de I Ching (o Libro dei Mutamenti) l’esagramma Ting rappresenta il crogiolo, un contenitore di cose che nutrono e si trasformano, alimentato dal fuoco, in altre parole dalla forza imperitura della vita. Questo simbolo rappresenta efficacemente quello che fu lo sviluppo del Rebirthing nei primi quindici/venti anni della sua vita.

Il gruppo formatosi intorno a Leonard Orr a partire dal 1964 si dedicò intensamente alla ricerca e alla sperimentazione del respiro profondo e continuo. Nei primi sei e otto anni le sessioni erano effettuate esclusivamente stando immersi in acqua calda; Orr aveva, infatti, ipotizzato erroneamente che fosse l’elemento liquido il catalizzatore dell’esperienza. Successivamente si arrivò a capire che era il respiro, con quelle particolari caratteristiche, a determinare stati di coscienza non ordinari.

Il particolare momento storico (anni Sessanta e Settanta) creava un terreno fertile per esperienze di questo genere: innovative, empiriche, rivoluzionarie, nelle quali misticismo e necessità psicologiche ed emotive trovavano un punto d’incontro e di fusione. Alla fine degli anni Sessanta Orr fondò a San Francisco la Theta House e diede avvio ai suoi seminari di un anno durante i quali le persone facevano con regolarità esperienza con il respiro. Lui intanto sviluppava i modelli della teoria nella quale il Rebirthing affonda le sue radici, arrivando alla definizione di quelli che chiamò i cinque grandi, cioè delle principali cause di trauma per gli esseri umani.

Il gruppo di ricerca e di sperimentazione del Rebirthing si andava via via ampliando e, oltre ad Orr, altre figure incominciarono a delinearsi e a dare apporti significativi agli aspetti teorici e pratici. In particolare Sondra Ray prima e, successivamente, Jim Leonard segnarono due punti di svolta per lo sviluppo della storia del Rebirthing.

Articoli correlati
Le carte dei Nat, gli spiriti della Natura

I Nat sono spiriti di natura, potenti aspetti selvaggi della psiche umana, essi rappresentano le forze dell’Io istintuale che, se sapientemente cavalcate, possono portarci alla conquista dei nostri obiettivi. Vengono associati agli antenati e utilizzati per interrogare la memoria della stirpe.

La lettura come tesoro interiore

Marcel Proust sulla lettura dice cose superbe, là ove afferma che essa “… è una forma di amicizia, la più sincera, perché con i libri non ci sono convenevoli.