Ikea punta al 100% di energia rinnovabile

Energia da fonti rinnovabili, prodotti biologici in tutti i ristoranti, recupero e riduzione dei rifiuti. Ecco la via verso la sostenibilità intrapresa dal colosso svedese.

Cosa fanno le catene internazionale per essere più
sostenibili? Quali sono le azioni da intraprendere per ridurre le
emissioni? E cosa fare per migliorare il ciclo di vita di un
prodotto, dalla progettazione, passando dal trasporto e arrivando
fino alla vendita?

A queste ed altre domande cerca di dare una risposta il Quinto
Report Ambientale pubblicato pochi giorni fa da Ikea Italia.

“Da parte nostra vediamo la sostenibilità come un elemento
chiave del nostro successo commerciale – afferma Roberto Monti,
amministratore delegato di Ikea Italia – e proprio il consumatore
sta dimostrando una maggiore consapevolezza per quanto riguarda
l’attenzione all’ambiente; il nostro impegno sta proprio nel
coinvolgere ancora di più il cliente nelle proprie
scelte”.

Produrre mobili, sfruttando risorse quali acqua e legno,
distribuirli in tutto il mondo, utilizzando trasporti e imballaggi,
venderli in centinaia di punti vendita, significa comunque avere un
certo impatto sull’ambiente. “Per noi è fondamentale avere
materiale per produrre i nostri mobili – continua Monti – studiando
sin dall’inizio che tipo di legno utilizzare, come assicurare un
riciclo pieno, e come produrli in modo che abbiano un minor impatto
possibile”.

Parlando di emissioni di CO2, l’attenzione si sposta indubbiamente
su due fronti ben distinti: trasporti ed energia. “Il nostro
obiettivo è diventare neutrali per quanto riguarda le
emissioni – dichiara Monti – e per fare questo abbiamo, ad esempio,
aumentato la mole di beni che vengono prodotti vicino ai punti
vendita”. A pensarci bene, l’intuizione di vendere mobili smontati,
è stata brillante. Meno spazio occupato e meno ‘aria’ da
trasportare: in questo modo si ottimizza la logistica; più
prodotti si spostano, consumando meno.

Ciò che colpisce è l’obiettivo dichiarato di arrivare
al 100% di energia acquistata e prodotta da fonti rinnovabili: “Con
l’iniziativa ‘IKEA Goes Renewable’, da una parte cerchiamo di
ridurre del 25% i consumi, dall’altra puntiamo ad aumentare quella
prodotta da fonti rinnovabili”. Ad esempio il nuovo punto vendita
di San Giuliano Milanese sarà in grado di produrre il 90%
del fabbisogno di energia in loco, utilizzando un impianto
di geoscambio per la parte termica e refrigerante, e un impianto
fotovoltaico per la parte elettrica.

Ascolta l’intervista

 

Articoli correlati