Il coro delle lamentele, canta che ti passa

Se siete sfiancati dai ritardi dei servizi pubblici, se la segnaletica stradale è inesistente, se siete irritati dai vicini rumorosi… cantatelo in pubblico.

…Se volete protestare per il costo dei cinema o più
semplicemente, se desiderate far conoscere i vostri stati d’animo
esistenziali, lamentarvi di qualcosa o di qualcuno, da oggi potete
farlo in musica costituendo un coro ed esibendovi nei luoghi
pubblici della vostra città.

Proprio così, un coro per lamentarsi. E’ una trovata
decisamente originale. Stravagante ma non troppo. Ironica,
sicuramente. Interessante, quanto basta per stuzzicare la
curiosità. Forse utile socialmente, ma è presto per
dirlo. Stiamo parlando del Coro delle Lamentele, una nuova
iniziativa artistica e culturale a livello internazionale promossa
in Italia dall’Associazione culturale Start.

L’idea è nata in una fredda giornata finlandese.
Passeggiando per le strade di Helsinki, gli artisti Tellervo
Kalleinen e Oliver Kochta-Kalleinen si sono chiesti come poter
trasformare l’enorme energia che gli esseri umani infondono nelle
loro lamentele, in qualcosa di creativo. Alla fine, partendo dalla
considerazione che gli abitanti di tutte le città del mondo
amano lamentarsi della propria città e della vita in
generale, i due artisti hanno pensato di tradurre questo fenomeno
universale in un’iniziativa divertente e coinvolgente, la prima
delle quali è stata tenuta a battesimo a Birmingham dove si
è esibito il primo Coro delle Lamentele composto da
cittadini volenterosi i quali, con l’aiuto di un compositore, hanno
creato una canzone delle loro lamentele esibendosi in Coro nelle
piazze e in altri luoghi pubblici della città.

Il progetto ha trovato così tante adesioni che si sta
allargando a macchia d’olio. Si moltiplicano i Cori delle Lamentele
che vanno formandosi in molte città del mondo. Fino ad oggi
hanno partecipato all’iniziativa 14 città fra cui Amburgo,
Helsinki, Gerusalemme, Melbourne, San Pietroburgo, Budapest,
Chicago. Molto presto anche Firenze, prima città italiana ad
aderire all’iniziativa, avrà il suo Coro delle
Lamentele.

Maurizio Torretti

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.