Il DNA

Notiziascoperto che cellule staminali fetali (Dna) possono continuare a vivere nei tessuti materni anche a lunghissima distanza dal parto

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Milano,
coordinati dal dottor Pietro Invernizzi hanno scoperto che cellule
staminali fetali (Dna) possono continuare a vivere nei tessuti
materni anche a lunghissima distanza dal parto, addirittura si
parla di sessant’anni di tempo.

Secondo i ricercatori si è verificato un processo che ha
portato cellule staminali fetali ad essere assimilate in qualche
modo nei tessuti materno, continuando a vivere, e dunque a
disseminare il proprio Dna nel flusso sanguigno al momento della
loro divisione.

Potrebbe essere proprio questo Dna “estraneo” la causa di malattie
nelle quali il sistema immunitario attacca parti dell’organismo a
cui appartiene?
Un esempio per tutti è la sclerodermia, malattia autoimmune,
che può talvolta avere esiti fatali.

Articoli correlati