Il fuel activator a Torino: AutoEco 2007

A Torino, dal 7 al 9 settembre, si svolge un’interessante rassegna: AutoEco 2007 – Rassegna dell’Automotive Ecologico. Tra le varie novità il fuel activator .

Si chiama FIR, Fuel Activator. E’ un dispositivo composto da un
particolare materiale ceramico che assorbe il calore emesso dal
motore ed emette fotoni nella banda infrarosso di lunghezza d’onda
compresa tra 3 e 14 μm. Le molecole di idrocarburo (HC) nel
combustibile sono sensibili alla radiazione infrarosso ed assorbono
i fotoni. Questo permetterebbe una combustione più
efficiente del carburante.

Il FIR Fuel Activator è stato sviluppato da un team di
ricercatori americani guidati da Albert Wey. La sua creazione ha
richiesto 8 anni di lavoro per applicare una teoria ampiamente
conosciuta ad un prodotto performante e funzionale.

In occasione di AutoEco 2007, per la prima volta in Europa,
l?inventore Albert Wey presenta (venerdì 7 settembre alle
ore 16.00) i risultati dei test e le evoluzioni scientifiche della
tecnologia FIR in una conferenza dal titolo “La radiazione
InfraRosso Lontano per migliorare l’efficienza dei motori –
Infrared-excited Fuel for Improved Engine Efficiency”.

Il Fuel Activator è certificato e brevettato per la
riduzione delle emissioni inquinanti ed il risparmio di carburante.
Non è magnetico, non è un additivo per il carburante
e non è invasivo.
Costa, di listino, 99,60 euro; richiede solo pochi minuti, nessuna
esperienza in campo meccanico. Basta posizionare il prodotto
all’esterno di una parte non metallica del tubo di ingresso del
carburante. Con questo semplice meccanismo si potrà in
futuro avere città meno inquinate? Ce lo auguriamo di cuore.
Le premesse sono invitanti.

Alcune caratteristiche di FIR Fuel Activator tratte
dal sito:
? Risparmio del 10% – 15% del carburante;
? Riduzione delle emissioni inquinanti del 40%;
? Riduzione dei fumi del gasolio del 36% nei motori diesel;
? Aumento rapporto potenza / coppia nel motore;
? Riduzione dei depositi incombusti = meno manutenzione iniettori e
filtri antiparticolato;
? Funziona con motori a benzina, diesel, metano, bio-diesel e GPL
su auto, camion, moto, macchine agricole e barche;
? Installazione facile e veloce;
? Non invalida la garanzia dell’auto, non è magnetico e non
si aggiunge al carburante;
? Testato da un laboratorio americano indipendente riconosciuto
dall’EPA che certifica risparmi fino al 19,1%;
? Testato dall’Università del Michigan (Dearborn) che
certifica emissioni di CO ridotte del 30%

Edgar Meyer Gaia – Animali & Ambiente

Articoli correlati