Insetti nel giardino della natura

Per studiare gli insetti non serve andare in luoghi esotici. Sono nei nostri giardini, nei parchi, nei boschi. Siete pronti a fare una passeggiata con un Cicerone d’eccezione che ci spiega quanto siano importanti e intelligenti questi animaletti a sei zampe?

Di solito la maggior parte di noi li considera degli esserini
fastidiosi, brutti e inutili. Siamo convinti che infestino le
piante, che ci pungano sempre e che portino malattie. Sono gli
insetti. Ma è davvero così?

 

In questo affascinante viaggio, l’entomologo Gianumberto
Accinelli, dell’Università di Bologna, ci prende per mano e
ci accompagna nel mondo di questi esserini a sei zampe, per farci
ricredere: non solo gli insetti sono utilissimi alla tutela della
biodiversità, ma non sono nemmeno così cattivi come
pensiamo, anzi, a volte mostrano un lato “umano” inaspettato (con
lato umano non ci riferiamo solo a quello buono, sia chiaro).

 

E visto che “il viaggio è un sentimento, non soltanto
un fatto”, come scriveva Mario Soldati, in questo percorso tra
prati e boschi, l’autore ci rende partecipi dei suoi ricordi,
innescati dalle riflessioni sui suoi amati insetti. Così,
qua e là, compaiono il suo maestro, il professor Giorgio
Celli, celebre entomologo ed etologo scomparso da poco più
di un anno; i viaggi, i ricordi degli anni di studio e di dottorato
e gli aneddoti personali. È inevitabile il coinvolgimento
emotivo, quando siamo appassionati ad una materia e l’autore di
questo libro ne è prova lampante.

Per rendere questo libro ancora più utile, all’interno sono
contenuti dei semi biologici da piantare sui nostri balconi o nei
nostri giardini, per osservare da vicino e dal vero quello che ci
è stato spiegato in questo libro: nigella, gittaione e lino
da fiore che attireranno numerosi insetti. Vi daranno ancora
fastidio o li osserverete con più attenzione dopo aver letto
questo libro, come piccoli entomologi “in erba”?

Articoli correlati
Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.