Il lato oscuro dello streaming

La musica ascoltata in streaming online non è esente dall’ incremento dei rischi per l’ambiente.

Anche se aver ridotto la produzione di musica – cd, vinili,
dvd – può sembrare un bene per l’ambiente, esiste un lato
oscuro nell’ascolto di musica in streaming.

 

Secondo un rapporto pubblicato su Music Tank, un ente di ricerca e sviluppo
dell’università di Westminster, dal titolo “The dark side of
the tune: the hidden energy cost of digital music consumption”
scritto da Dagfinn Bach, riprodurre un album online per
27 volte (ad esempio una al giorno per un mese su
Youtube o
Spotify)
richiederebbe più energia che produrre e distribuire una
copia reale.

 

“La musica digitale non è sospesa in un limbo
ambientale. Mentre diventa sempre più raro l’abbattimento di
piante per stampare cd e vinili e sempre meno i camion necessari
per portarli nei negozi di dischi – afferma Bach – l’aumento del
traffico online dovuto alla riproduzione di contenuti digitali
comporta anche un incremento dei rischi per l’ambiente”.

 

Come già emerso per Google, Facebook e altri social
network, il problema principale è dovuto agli enormi
server
che stanno dietro alle pagine visualizzate sui
nostri schermi: molto spesso alimentati con energia prodotta
attraverso combustibili fossili, come carbone e petrolio.

 

Il consiglio potrebbe essere tornare ad acquistare i
classici
, collezionare la discografia del proprio artista
prediletto e scegliere lo streaming per la musica nuova, da un
ascolto e via. Ma la domanda sorge spontanea. Quanto consuma
riprodurre per 27 volte un album nel giradischi di casa?

Articoli correlati
Lucio Battisti arriva sulle piattaforme di streaming online

Dopo una battaglia legale (in realtà ancora in corso) sui diritti musicali del catalogo della casa editrice musicale Acqua Azzurra, il liquidatore nominato dal Tribunale di Milano ha annunciato “l’estensione del mandato anche all’incasso dei diritti sul web” di dodici dischi a firma Lucio Battisti-Mogol.

Satellite in regalo dai The Kills

I The Kills mettono a disposizione in download gratuito una nuova versione di “Satellite”, primo singolo estratto dal loro ultimo disco “Blood Pressure”.