Il miele di Valdivia

L’apicoltura da sempre fornisce un sostegno essenziale all’agricoltura, e nelle regioni povere il miele è un sostegno all’economia familiare.

Per questo in Cile la Fundaciòn Diocesana de Desarrollo
Social de Valdivia (Fundesval), a partire dal 1980, ha inserito
l’apicoltura tra i progetti per promuovere lo sviluppo sociale,
culturale ed economico della popolazione della regione di Valdivia,
e specialmente di coloro che vivono in condizioni di
difficoltà.

Il progetto coinvolge circa 100 famiglie di contadini, di cui il
20% sono di origine mapuche. I mapuche sono uno dei popoli indigeni
del Cile che, dopo aver opposto fiera resistenza agli Spagnoli fino
al XIX secolo, sono ridotti oggi a una minoranza di sole 130.000
persone che si trova a contrastare lo sfruttamento, la fame, le
malattie e la disperazione di essere privati dei diritti
elementari.

Il progetto di apicoltura consente ai contadini di acquisire una
formazione tecnica, di migliorare l’alimentazione familiare e
soprattutto di prendere parte in prima persona alla ricostruzione
di un tessuto sociale che era stato completamente distrutto da anni
di dittatura. L’esportazione del miele attraverso i canali del
commercio equo e solidale ha consentito a Fundesval di incrementare
il progetto e soprattutto di aumentare il reddito per ogni
famiglia.

Il miele prodotto dai contadini di Valdivia è un miele
totalmente naturale che non subisce alcun processo di
pastorizzazione. La sua produzione rispetta i ritmi biologici delle
api e della natura circostante, contribuendo attraverso
l’impollinazione alla preservazione e alla riproduzione di piante
autoctone, preziose testimoni di biodiversità.

Giovanna
Salvini

Cooperativa Chico Mendes

Articoli correlati