Il nuovo manuale di musicoterapia

Il libro presenta i vantaggi del metodo della musicoterapia e si rivolge sia a chi ama trarre piacere dalla musica per poterne avere un ascolto terapeutico.

Da sempre l’essere umano pratica la musicoterapica: se ne
avvantaggiava già agli albori della civiltà, quando
l’arte del suono sconfinava nel rito e nella magia. A maggior
ragione vuole beneficiarne nella nostra epoca, in cui, sull’onda
della riscoperta del binomio mente-corpo, molte medicine
alternative utilizzavano suoni e melodie per favorire nei pazienti
il recupero dell’equilibrio psicofisico. Ma come selezionare le
musiche più adatte e i generi più adeguati all’uso
terapeutico? Come individuare i campi di applicazione in cui la
musicoterapica trova successo?

A queste e ad altre domande rispondono con competenza i due autori
che presentano i vantaggi del metodo della musicoterapia
immaginativa insegnando come ascoltare i suoni e soprattutto che
cosa ascoltare per ottenere un effetto rilassante, emozionale,
catartico.

“Il nuovo manuale di musicoterapia” si rivolge sia a chi ama trarre piacere dalla musica per
poterne avere un ascolto terapeutico, sia a chi è
interessato a intraprendere un cammino professionale legato alla
musicoterapica e vuole conoscere in dettaglio come si svolge una
seduta e come si ottengono da essa i migliori risultati.

 

Articoli correlati
Le carte dei Nat, gli spiriti della Natura

I Nat sono spiriti di natura, potenti aspetti selvaggi della psiche umana, essi rappresentano le forze dell’Io istintuale che, se sapientemente cavalcate, possono portarci alla conquista dei nostri obiettivi. Vengono associati agli antenati e utilizzati per interrogare la memoria della stirpe.

La lettura come tesoro interiore

Marcel Proust sulla lettura dice cose superbe, là ove afferma che essa “… è una forma di amicizia, la più sincera, perché con i libri non ci sono convenevoli.