Il nuovo skyline di Milano

Inaugurato l’Unicredit Tower, il nuovo quartier generale del Gruppo che ridisegna lo skyline del capoluogo lombardo. La torre più alta d’Italia.

È la Torre più alta d’Italia l’Unicredit Tower, con i suoi 230 metri d’altezza. La sua sommità termina con una
spirale di 78 metri di acciaio e vetro, vero gioiello  di ingegneria e architettura. Raggiungibile in ascensore in 40 secondi è visibile da 10 km di distanza ed è alta quattro volte la Torre di Pisa e due volte il Duomo di Milano. Le altre due torri sono alte rispettivamente 50 e 100 metri. Il complesso, disegnato dall’architetto argentino Cesar Pelli, si inserisce nel più ampio progetto “Piani Città” del Gruppo Unicredit, che consiste nella riorganizzazione di tutte le principali sedi europee, consentendo, solo a Milano, di ridurre il numero di sedi da 26 a 5, con un risparmio annuo sui costi immobiliari di circa 25 milioni di euro, il che significa anche risparmio sui costi energetici.

L’opera di riqualificazione urbana è una delle più grandi mai realizzata nel centro di Milano: “Presentiamo oggi il nuovo Quartier Generale del Gruppo – ha dichiarato Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di UniCredit – una struttura che accoglierà migliaia di dipendenti, pensata, studiata e realizzata per rispondere a un nuovo modo di lavorare”.

La Torre non solo si inserisce nel paesaggio cittadino ridisegnadone lo skiline, ma è stata realizzata anche seguendo
rigidi parametri ambientali: il 93% dei rifiuti da cantiere è stato riciclato, il 20% dei materiaili utilizzati nelle costruzioni provengono da riciclo e in gran parte sono di provenienza locale. A lavori ultimati i tre edifici hanno ricevuto dall’US Green Building Council – organizzazione che certifica grazie ad una scala di 110 punti, la sostenibilità di un edificio o di un complesso residenziale – la certificazione di LEED Gold.

“Siamo anche orgogliosi – ha aggiunto Ghizzoni – di poter condividere con Milano un progetto di eccellenza sotto il profilo della riqualificazione urbana e dell’ecosostenibilità. UniCredit Tower ha ricevuto la certificazione Leed Gold e questo rientra nel nostro piano di riduzione di CO2 del 30% entro il 2020”.

L’Unicredit Tower ricicla il 100% dell’acqua piovana, mentre ne ha ridotto l’utilizzo all’interno degli spazi del 37,3%. L’utilizzo di energia è stato inoltre ridotto del 22,5%. Per rispettare gli aspetti legati alla sostenibilità e alla qualità del luogo di lavoro, Unicredit ha inoltre dato vita al progetto “Take Your Space” che, come spiega la stessa azienda: “ridisegna gli spazi lavorativi, favorendo lo scambio di informazioni e la rapidità di comunicazione, razionalizza spazi e costi e sfrutta al meglio le opportunità delle nuove tecnologie”.

Uscendo dalla metro il colpo d’occhio non ha pari, le altri capitali europee sembrano un po’ più vicine.

Articoli correlati