Il Parco delle Sette Perle – Parco Arcipelago Toscano

Sette perle, sette isole immerse nella cultura e nella storia del mar Tirreno, di fronte alle coste toscane. Alla scoperta del parco marino Arcipelago Toscano

È stato definito il parco più difficile
d’Italia.
Di certo, il Parco Arcipelago Toscano, che tutela 56.766 ettari di
mare Tirreno e 17.887 ettari di terra, è una delle aree
protette più originali del nostro paese.
Istituito nel 1996 e successivamente ampliato nel 1997, è il
parco marino più grande d?Europa.

Le ?perle di Venere? ? cosi sono chiamate le isole di cui
è composto il Parco ? sono sette: l?Elba, il Giglio,
Capraia, Giannutri, Montecristo, Pianosa e Gorgona.
Tra esse, tutte ricche di storia e cultura, spicca l?isola d?Elba,
famosa meta turistica nonché terra dell?esilio
napoleonico.

Ma ciò che rende speciale l?arcipelago è
soprattutto la sua natura. Gli habitat tutelati sono infatti
fragili e di grande valore.

La flora è influenzata dal clima mediterraneo,
dall?insularità. E dall?antropizzazione.
Un tempo, la specie arborea più diffusa era il leccio, che
si estendeva in grandi foreste. Ne rimangono ora piccoli boschetti
all?Elba, al Giglio e a Gorgona.
La vegetazione tipica è invece quella della macchia
mediterranea: tra le specie presenti si ricordano mirto, erica,
lavanda, ginestra, orchidee. Ma soprattutto la linaria (o
linaiola), presente su cinque delle sette isole, diffusa su rupi,
scogliere e muretti degli antichi borghi.

Quanto alla fauna, l?arcipelago è inserito nel santuario
internazionale dei cetacei: balenottera e capodoglio sono
frequentatori abituali che si possono avvistare principalmente in
primavera ed autunno.
Queste isole sono anche luogo di nidificazione di numerose specie
di uccelli; in particolare, sono uno degli ultimi habitat usati dal
gabbiano corso per la riproduzione.

Le attività che si possono svolgere nel parco sono molte:
dal kayak alle immersioni, dal trekking a cavallo all?arrampicata
sportiva. E poi le degustazioni di prodotti tipici, come i vini
dell?Elba, e le manifestazioni.
Un parco per chi ha voglia di natura e storia.

Chiara Boracchi

Articoli correlati