Il potere del cibo e del colore. Un arcobaleno

Il nostro è un mondo di vibrazione e frequenze che si organizzano esattamente come l’arcobaleno, un mondo di polarità basato su espansione e contrazione.

La scienza dà una visione in bianco e nero.
Spiegare i colori a qualcuno che vede attraverso la scienza non
è né facile né produttivo, sono mondi diversi.
Nel mondo dell’arcobaleno c’è grande varietà con
un’infinita possibilità di combinare colori, forme,
consistenze e sfumature, ma c’è anche ordine.

I colori si organizzano in un ordine sempre uguale, vanno dal rosso
al viola sempre nello stesso modo. I colori sono vibrazioni con
lunghezze d’onda progressivamente più espanse o
contratte.

Il nostro è un mondo di vibrazione e frequenze che si
organizzano esattamente come l’arcobaleno, un mondo di
polarità basato su espansione e contrazione.
Ogni cosa ha la sua vibrazione specifica e può essere
compresa come parte di un’interazione di contrazione e espansione,
esattamente come possiamo capire l’infinità di colori come
interazioni di colori di base: i colori dell’arcobaleno.

Nel nostro corpo ogni organo ha una sua vibrazione, una vibrazione
che non risiede solo in quell’organo, ma che è presente un
po’ dappertutto e concentrata nell’organo.
Gli organi, insieme, formano come un orchestra, dove tutti gli
strumenti suonano con frequenze diverse, ma dove la musica è
una combinazione dell’insieme che si diffonde nella sala. Ogni
persona emette una qualità di vibrazione che è
l’insieme di tutte le frequenze emesse dalle varie strutture del
corpo.

Con studio e esperienza si può imparare a leggere,
interpretare questa vibrazione e fare una diagnosi su quale organo
non sta suonando bene o quali stanno suonando troppo forte o troppo
piano.

Questa diagnosi è stata studiata e perfezionata nell’arco
dei millenni in queste tradizioni antiche e fa parte integrante di
una terapia alimentare con basi energetiche.
Più le energie sono in armonia e più la nostra
espressione è gradevole e armoniosa e la nostra vita tende a
procedere in modo più ordinato e piacevole. Il nostro
intuito e capacità di giudicare situazioni è al
massimo e siamo in grado evitare grossi problemi e agire con calma,
anche quando si presentano problemi.

Martin Hasley
esperto in terapia alimentare

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Dal palato alla psiche

Ortaggi per rilassarsi, legumi contro la diffidenza, noci per la tolleranza. E meno carne per mitigare l’aggressività.

Il coraggio di mangiare

Avere un sano rapporto col cibo, dal punto di vista psicologico, significa anche accettare il fatto che ogni giorno abbiamo fame, e siamo dipendenti da questo per vivere in salute.

La condizione di dieta permanente

Si tratta di un atteggiamento mentale che l’individuo adotta riguardo al cibo con l’intento di ridurre l’apporto calorico. Si impone un complesso di obblighi e divieti alimentari allo scopo di dimagrire e assolutamente di non ingrassare.

Attenti al sale

Il limite massimo raccomandato dall’Oms è di appena 6 grammi, mentre sono 10/11 grammi in media al giorno i quantitativi di sale consumati in Italia.