Il primo concerto vegetariano

Dopo qualche problema di salute Morrissey, ex leader degli Smiths, Morrissey torna e lo fa con il primo concerto completamente vegetariano.

Dopo la pausa forzata al suo tour negli States, Morrissey
riparte e lo fa con una grande sorpresa. Il primo marzo, infatti,
lo stadio Stamples Center,
uno dei più grandi e rappresentativi della città di
Los Angeles (è lo stadio dei Lakers) diventerà
completamente meat free. Morrissey, vegetariano convinto
dall’età di 11 anni, ha chiesto e ottenuto dalla direzione
del centro (non senza difficoltà, com’è lecito
immaginare) la chiusura di tutti i McDonald’s del centro e che agli
altri stand sia impedito di vendere carne. Morrissey non è
il primo artista ad aver mosso una richiesta di questo genere, ma
senz’altro è il primo ad aver ottenuto il consenso: anche
Paul McCartney, per esempio, ci aveva provato ma
senza riuscirci.

L’ex Smiths, che è anche animalista, ha inoltre deciso di
donare una parte dell’incasso della serata all’organizzazione
Peta. In un comunicato
stampa l’artista ormai 53enne ha affermato: “Non la considero una
vittoria per me, ma una vittoria per gli animali”. Il concerto di
Los Angeles sarà il primo della storia a essere
completamente meat free, ma già in passato Morrissey aveva
esortato i propri fan a non consumare carne almeno durante i suoi
concerti. Emblematico fu quando, nel 2009, abbandonò il
palco del Coachella Festival perché
infastidito dalla puzza della carne bruciata venduta negli stand.
In quell’occasione, risalendo sul palco, aveva affermato: “L’odore
degli animali che bruciano mi fa male. Non riuscivo a
sopportarlo”.

Articoli correlati