Il vero tormentone estivo: andare in vacanza

Lei ama le spiagge affollate, lui il silenzio e il verde di un bosco in montagna. Dove andare in vacanza è il vero tormentone delle coppie

Quali sono i principali errori che facciamo nel momento in cui bisogna decidere dove andare in vacanza?

Mi tornano in mente diverse sedute di coppia durante le quali emerge con molta chiarezza che spesso, come coppie, ci si sceglie per “differenza”. Al contrario di quanto accade con le amicizie, dove spesso sono gli interessi e i gusti in comune a “cementare”, le coppie formate da persone diverse tra loro tendono ad essere “solide” e creative.

Le differenze emergono in modo potente e, a prima vista d’intralcio, nel momento in cui ci si trova di fronte a necessità diverse in termini di desideri, come nel caso di una vacanza: da una parte lei che ama le spiagge affollate, dall’altra lui che non vede l’ora di immergersi nel verde e nel silenzio di un bosco in montagna. L’errore più frequente è quello di pensare di fare una mediazione tra le proprie richieste e quelle dell’altro rischiando di scontentare tutti quando la cosa migliore è invece quella di “negoziare la vacanza”.

Tornando all’esempio di prima, il marito potrebbe – per questo anno – accettare il mare ponendo qualche condizione e quindi: “Vada per il mare, ma non troppo affollato e con la possibilità di fare qualche passeggiata”. L’importante è esprimere chiaramente le proprie esigenze e rispettare consapevolmente quelle dell’altro, con il desiderio di trovare un accordo. Nel momento in cui si è disponibili a venirsi incontro, far felice l’altro significa anche che alla prossima occasione, se ne avremo voglia, “toccherà” a noi decidere per primi.

E se volessimo andare in vacanza di  gruppo?

Direi che le maggiori “insidie” si nascondono nelle situazioni in cui si decide di trascorrere qualche giorno condividendo gli stessi spazi e senza la possibilità di staccarsi dal gruppo. Ecco allora che la condivisione di una barca o di una baita sperduta tra i monti possono essere esperienze bellissime ma, al tempo stesso, estremamente impegnative.

Inevitabilmente, se non si è mai vissuti insieme, emergeranno le classiche difficoltà della convivenza: rivalse, rivalità, gelosie, frustrazioni, lotte per la distribuzione dei lavori “casalinghi” e così via. E’ bene esserne consapevoli e, prima ancora di scegliere una vacanza come questa, chiedersi se si è pronti ad affrontarla…tante volte, per trascorrere delle splendide ferie, basta semplicemente affittare due appartamenti separati.

Articoli correlati