Il veicolo pulito al 100%

L’automobile elettrica, studiata per la prima volta 100 anni fa. Oggi il veicolo pulito al 100%

Il veicolo pulito al 100%

Nel 1999 si è festeggiato il centenario della nascita del veicolo elettrico (collegata all’invenzione di un secolo prima della pila di Alessandro Volta) che non ha avuto grande sviluppo essendo stato superato dalla nascita del motore a scoppio. Una delle prime industrie a lavorare in questo campo fu l’americana Edison Electric (con un capo officina di eccezione: Henry Ford). Il problema principale già allora era quello di realizzare un accumulatore di piccole dimensioni e leggero per essere utilizzato all’interno di un’autovettura. Poco dopo le vetture elettriche approdarono in Europa. In Francia con la “Jamais contente”, dalla aerodinamica forma di siluro, attualmente visibile al Museo dell’Auto di Compie’gne; in Austria, grazie ancora ad un nome famoso, Ferdinand Porsche che prima di dedicarsi al motore a scoppio progettò un veicolo con motori Daimler Benz e che chiamò Mercedes Electric (come il nome della figlia di uno dei suoi soci); in Italia le Società Italiana Veicoli Elettrici Turrinelli di Sesto S. Giovanni e la società Dora di Torino costruivano veicoli industriali e taxi elettrici. Sono passati circa cento anni e grandi passi avanti in verità non sono stati fatti. Attualmente i veicoli elettrici in circolazione nelle nostre strade possono contarsi con le dita delle mani. Un veicolo elettrico ha il grandissimo vantaggio ambientale di essere un sistema ZEV (Zero Vehicle Emission), quindi di non produrre alcuna forma di emissione inquinante. Anche se dobbiamo sempre tenere in considerazione l’inquinamento dovuto alla fonte durante il processo di produzione di energia elettrica. La ricarica, che dura dalle 6 alle 9 ore, può effettuarsi nelle specifiche colonnine presenti (non in Italia) nei parcheggi pubblici o anche direttamente presso una normale presa domestica. Il costo della ricarica permette un vantaggio economico notevole rispetto ai motori termici tradizionali; con circa 1 Euro è possibile percorrere 100 Km. L’auto a propulsione elettrica ha inoltre spese di manutenzione ridotte poiché non ha componenti soggetti ad usura. Alessandro Marchetti Tricamo Responsabile testata giornalistica online www.ecotrasporti.it

Articoli correlati
Tesla Battery day 2020, Elon Musk come Steve Jobs?

Ormai i Tesla Battery day di Elon Musk sono veri “show” attesissimi dai fan della mobilità elettrica di tutto il mondo. A poche ore dall’evento, cresce l’attesa per l’annuncio della “million-mile battery”.