Biologico

Il World Watch Institute elogia l’italia: paese pioniere nell’agricoltura biologica

Italia, paese pioniere della agricoltura bio: lo ha detto Brian Halweil, dell’edizione 2004 del rapporto annuale di World watch Institute.

In una dichiarazione all’Ansa in occasione del lancio del
voluminoso rapporto, Halweil ha anche citato, tra le azioni
positive dell’Italia, il suo ruolo di guida del movimento
enogastronomico ‘slow food’. “L’Italia offre sussidi molto generosi
agli agricoltori disposti a trasformare la produzione convenzionale
in biologica”, ha detto il ricercatore del World watch institute . Di
conseguenza, ha aggiunto l’esperto, e’ “tra i paesi con la piu’
alta percentuale di ettari riservati a questo tipo di
coltivazione”. Ed e’ anche il paese con il numero piu’ alto di
agricoltori che si dedicano alla produzione biologica. Nel rapporto
annuale, pubblicato sotto forma di libro (245 pagine), ci sono
diversi riferimenti a Ferrara, citata come esempio di comune che
impone l’acquisto di alimenti biologici per le mense della scuola
materna. La citta’ degli Estensi e’ lodata anche per il fatto che
gli uffici municipali cercano di limitare gli acquisti di carta a
quella ecologicamente corretta.

Articoli correlati
Biologico, il momento decisivo è adesso

Le associazioni del biologico chiedono all’Italia di stare al passo con le strategie europee per una transizione agroecologica. Il commento della presidente di Federbio, Maria Grazia Mammuccini.