Impatto Zero

Il raggio d?azione di Impatto Zero

Si tratta di un progetto di sola tutela, che non prevede la
compensazione della CO2. Il luogo, per la precisione,
è la Riserva Naturale Privata ‘El Pantanoso’, che si estende
per 5000 ettari nella riserva Unesco della Biosfera delle Yungas,
gestita da La Torbiera Società Zoologica. Al suo interno
troviamo una numerosa popolazione animale: 300 specie di uccelli e
oltre 80 specie di mammiferi, centinaia di anfibi, rettili, pesci
invertebrati.

Ma perché un progetto slegato dalla compensazione? I
motivi sono molti. In primis, la salvaguardia della
diversità biologica animale e vegetale – oggetto,
quest’anno, di particolare attenzione, visto che il 2010 è
stato dichiarato dall’ONU Anno internazionale della
biodiversità.

La tutela della riserva El Pantanoso garantisce inoltre una
protezione permanente dell’area dalla deforestazione, la
possibilità di finanziare studi scientifici sulla
biodiversità animale e vegetale della zona (sono ad esempio
state create “trappole fotografiche” notturne per gli animali) e di
organizzare corsi di sensibilizzazione e formazione della
comunità locale per uno sviluppo sostenibile del
luogo.

Un altro modo, per Impatto Zero® e LifeGate, di
creare consapevolezza.

Per saperne
di più
e
adottare un’area della riserva
.

Articoli correlati
15mila scienziati rilanciano l’allarme: la Terra è sempre più in pericolo

Venticinque anni dopo un primo allarme, gli scienziati di tutto il mondo lanciano un secondo avvertimento all’umanità sullo stato del Pianeta. Nel 1992 i premi Nobel riuniti nell’organizzazione ‘Union of Concerned Scientists’ assieme a oltre 1.700 firmatari misero in guardia sul fatto che l’impatto delle attività umane sull’ambiente avrebbero probabilmente provocato grandi sofferenze e danneggiato il Pianeta in modo irrimediabile. Oggi, va peggio. E a dirlo sono 15mila scienziati.