In Equilibrium con la natura

Un centinaio di foto nel cuore di Milano, per consegnare il messaggio positivo che l’ambiente ci trasmette.

Uscendo dalla metro, fermata Cordusio, via Dante si presenta
come un museo all?aria aperta, degno di
scenografie che solo città ricche di storia ma tuttora
vitali sanno mostrare: alle spalle uno scorcio del Duomo, di fronte
il castello sforzesco.

Su entrambi i lati dell?area pedonale sono disposte un centinaio
di foto, raccolte da National Geographic, a cura di Marie
Laurence Chicouri
.

La fotografia è considerata come la lingua
universale
per il racconto del pianeta, e quando gli
scatti sanno trasmettere fascino e suggestione, ecco che
l?osservatore si immerge totalmente nel messaggio visivo.

?Questa è la 4° edizione delle Grandi Mostre
all?aperto, ed è stata creata per comunicare un
messaggio positivo riguardante l?ambiente ? ci
spiega M.L. Chicouri, curatrice della mostra ? per trasmettere gli
equilibri, l?armonia e la bellezza, presente tra tutti gli esseri
viventi del pianeta, uomo compreso?. Da qui il nome
Equilibrium.

Ogni gigantografia è accompagnata da un testo che cala da
la possibilità al lettore non solo di cogliere il lato
artistico, ma anche il significato nascosto della foto.

Un leone affronta fiero una tempesta di sabbia, un piccolo
macaco gioca con una palla di neve, una bellissima donna cubana
meravigliosamente vestita per il carnevale di Santiago, uomini
tribali in un momento di veglia funeraria.

Ritratti della nostra esistenza che, con un sottile brivido, ci
fanno comprendere il profondo legame esistente tra tutti gli
abitanti del pianeta azzurro.


Rudi Bressa

Articoli correlati