Incontro d’amore in un paese in guerra

I temi sono quelli più autentici dello scrittore cileno: l’avventura, il dialogo serrato, quasi cinematografico, un’umanità raccontata con parole semplici.

C’è uno sfondo a colori pastello di umanità, il nero
della morte, le sfumature del mare e della fuga, l’oro del deserto,
l’argento della vivacità, una scintilla di surrealismo in
tutti questi ventiquattro brevi racconti di Luis
Sepúlveda.

I temi sono quelli più autentici dello scrittore cileno:
l’avventura, il dialogo serrato, quasi cinematografico,
un’umanità raccontata con parole semplici, dipinta in
piccoli quadri. Dentro cui non ci sta tutto il sangue del ‘Vecchio
che leggeva romanzi d’amore’ né il messaggio del ‘Mondo alla
fine del mondo’. Ma solo tante piccole emozioni.

L’autore
Luis Sepúlveda, nato in Cile nel 1949, vive in Spagna, nelle
Asturie. È lo scrittore di riferimento della nuova
letteratura sudamericana, il cui vento umido riscalda le nostre
coste da oltre un decennio. I suoi libri, amati soprattutto in
Italia da milioni di lettori, contengono messaggi di amore per la
vita, ecologisti, spinte a spiccare il volo con la fantasia e con
la volontà.

…una frase
“Non pensavo a Pablo mentre mi dirigevo nel posto concordato.
Pensavo alla donna.
Erano già molti mesi che non abbracciavo un corpo tiepido,
un corpo morbido, qualcuno che mi facesse domande, qualcuno che
rispondesse alle mie. Era passato troppo tempo senza dare né
ricevere un po’ di tenerezza. Il tempo giusto per trasformarsi in
una bestia in mezzo alla guerra”.

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

Jorge Amado. Cibo da leggere

“Queste sciocche trovano puzzolente la cipolla: che ne sanno loro di aromi puri? A Vadinho piaceva mangiare la cipolla cruda, e il suo bacio sapeva di fuoco”. Jorge Amado – Dona Flor e i suoi due mariti.

Gatto. Il Ragdoll

Nasce negli anni ’60 in California (Usa). La sua totale fiducia nell’uomo lo porta a rilassarsi completamente e ad abbandonandosi proprio come una bambola di pezza (Rag-doll).