Inquinamento emotivo e vita in ufficio

In un ambiente qualunque, si instaurano delle relazioni tra persone. Tutte queste connessioni possono quasi essere considerate inquinamento emotivo

In un ambiente qualunque, si instaurano delle relazioni, delle connessioni energetiche tra persone. Prendiamo per esempio il luogo di lavoro, le persone interagiscono comunicando, telefonando, inviando e-mail, chiacchierando, disponendo…, ci possiamo chiedere qual è l’output sottile di queste attività: che cosa emettono realmente a livello emotivo?

Quando ho detto al collega di darmi quell’informazione, come l’ho detto, quali erano le mie emozioni in quel preciso istante? Se ero felice e sereno, con le mie parole modulate sinceramente, ho trasmesso felicità e serenità all’altra persona. Se ero un po’ angosciato, perché in ritardo con la tabella di marcia della giornata, che cosa ho realmente trasmesso alla persona con quella richiesta? Ho trasmesso la mia angoscia, la mia paura di essere in ritardo, anche se ho cercato di dissimulare, ho inviato qualche cosa all’altra persona.

Proviamo pensare quante volte ci succede di emettere le nostre emozioni negative nell’ambiente in cui viviamo.

Esprimere i propri sentimenti è doveroso, ma dobbiamo stare attenti come li inviamo nell’ambiente. Quando riusciamo a divenire consapevoli che, nonostante i nostri sforzi, le emozioni sono trasmesse all’esterno, comprendiamo l’importanza di doverle trasformare. Vogliamo emettere rabbia, paura, angoscia, abbandono? Non credo che un ambiente intriso di questo possa essere efficiente, duraturo, attraente.

In molte società tradizionali c’è differenza tra “l’espressione” e “l’emissione” di un sentimento. Come esseri umani non possiamo negare che proviamo delle emozioni o sentimenti negativi, quello che possiamo fare è non emetterli direttamente e creare inquinamento nel luogo in cui viviamo.

Allora dobbiamo prima di tutto credere e imparare che ogni cosa può essere trasformata, trasmutata nella pura essenza dell’energia vitale. Dobbiamo imparare ad accorgerci in tempo reale delle nostre emozioni, interagire con esse, capire che ci stanno aiutando, ma anche comprendere che, per il nostro benessere e quello degli altri, vanno trasformate,- attenzione!-, non represse. Per fare questo ci sono vari modi e tecniche, dobbiamo trovarne qualcuno che possa funzionare anche quando stiamo guidando l’auto o facendo la fila alle poste.

Attraverso la meditazione o il viaggio sciamanico andiamo a chiedere un metodo, un rituale per trasmutare i sentimenti negativi. Per esempio chiedere ai nostri spiriti alleati di donarci una piccola cerimonia o rituale per rilasciare ciò che non abbiamo bisogno: le emozioni negative. Generalmente sono sufficienti dei piccoli cambiamenti della postura, della respirazione per cambiare la situazione interiore.

La base della nostra evoluzione è creare e dimorare in un ambiente di luce ed armonia. Per cambiare il mondo fuori, dobbiamo prima di tutto cambiare il proprio mondo interiore. Ridurre o eliminare il proprio inquinamento emotivo è il primo passo.

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Ipocrisie dell’anima

La Rochefoucauld può essere definito come un vero e proprio precursore dei grandi “maestri del sospetto”.